Vandalizzata la Fontana Senatoria di Messina, il CDA AMAM: «Offesa la città»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Nella notte tra il 18 e il 19 maggio, la Fontana Senatoria, nei pressi del Municipio di Messina, è stata vandalizzata da ignoti ma con un intervento tempestivo, da parte dei tecnici dell’AMAM, è stata ripristinata. Il presidente dell’AMAM Loredana Bonasera ha parlato di gesto che offende il decoro di tutta la città.

«Atti come questo – dice la Bonasera – sono un’offesa al decoro di Messina e anche alla fatica di AMAM che, ogni giorno, lavora duramente per rendere un servizio efficiente e riparare i guasti inevitabili e fortuiti alla rete idrica e agi impianti». Intanto, gli uomini della Polizia Municipale stanno conducendo le indagini per individuare gli autori del gesto vandalico e attivare le relative azioni sanzionatorie.

Le fontane di Messina

La manutenzione delle fontane monumentali di Messina – come la  Fontana Senatoria di via Consolato del Mare, vandalizzata qualche giorno fa – è curata dai tecnici dell’AMAM. Un ulteriore servizio che il Comune di Messina ha affidato all’Azienda Meridionale Acque Messina. «Giornalmente – continua la nota del CDA dell’Azienda – la sezione “Gestione dei servizi di manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti idrici di fontane ornamentali cittadine”, vigila sulla piena efficienza di tutti i complessi ornamentali disseminati nel territorio cittadino, intervenendo laddove occorra, per ripristinare i guasti con i propri tecnici.

È assurdo dover riparare i danni della mano dell’uomo che oltre a ledere l’immagine della città, sottrae preziose risorse tecniche, tempo e denaro che potrebbero ben essere impiegati per potenziare sempre più la qualità del servizio idrico integrato e risolvere problemi che derivano dalla normale usura degli impianti o da eventi straordinari».

La Fontana Senatoria di Messina

La Fontana Senatoria è un’antica e grande tazza marmorea, realizzata su progetto e disegno di Giacomo Maffei e che prende il suo nome dai senatori – i nomi sono scolpiti all’interno dei cartigli che decorano il bordo – che nel 1619 ne vollero la realizzazione .

(137)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.