buca stradale

Sicurezza stradale in un click: in Sicilia arriva BucApp, l’app per segnalare le buche

Pubblicato il alle

2' min di lettura

In Sicilia è arrivata BucApp, l’app che consente di segnalare le buche stradali, eventuali situazioni di pericolo o incidenti, per richiedere un intervento. L’app è disponibile sia per iOS sia per Android, è gratuita e semplice da usare. A crearla, un’organizzazione senza fini di lucro per la tutela dei consumatori, Aiace: «Siamo certi – dice il presidente, Giuseppe Spartà – che il valore sociale dell’iniziativa verrà colto da quanti vorranno aiutarci al raggiungimento di uno scopo utile alla collettività e meritevole di successo».

L’Associazione Italiana Assistenza Consumatore Europeo (Aiace) presenta la sua nuova app dedicata ai cittadini. Si tratta di un’app, chiamata appunto BucApp, realizzata per consentire di inviare segnalazioni sulle condizioni delle strade cittadine.  «Al momento – sottolinea il presidente di Aiace – abbiamo offerto gratuitamente a tutti i comuni d’Italia (via Pec) l’uso dell’App e un elenco di segnalazioni». Il centro operativo dell’organizzazione ha sede a Roma, Taormina, Giardini Naxos e in altre città italiane.

BucApp, come funziona l’app per segnalare le buche (in Sicilia e nel resto d’Italia)

Come funziona, quindi, Bucapp? Per prima cosa occorre scaricarla gratuitamente dallo store di Android o Apple e registrarsi (la procedura è molto veloce, richiede un paio di minuti).

Per inviare una segnalazione basta scattare una o più foto alla buca con il proprio smartphone direttamente dall’app o dalla fotocamera. La segnalazione inviata sarà presa in carico dal centro operativo dell’organizzazione. Saranno poi gli operatori a trasmetterla al Comune di riferimento.

In caso di incidenti causati dalla buca o dalla cattiva manutenzione della strada, è possibile spiegare l’accaduto all’interno della segnalazione e ricevere assistenza legale gratuita.

Le segnalazioni saranno inoltre archiviate per creare un database aggiornato sullo stato di salute delle strade.

Maggiori informazioni sono disponibili a questo link.

(Foto di repertorio)

(191)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.