antiracket1

“Pago chi non paga”: presentata in Prefettura l’iniziativa antiracket

Pubblicato il alle

1' min di lettura

antiracket1L’iniziativa “Pago chi non paga”, guida per il consumatore critico antiracket, è stata presentata alla Prefettura di Messina, luogo designato per la presentazione in Sicilia. L’elenco contiene oltre mille operatori economici che si sono opposti al racket.

Il progetto, promosso dal Prefetto Elisabetta Belgiorno, Commissario Straordinario Antiracket, è stato illustrato stamane alla presenza del Prefetto Stefano Trotta e delle massime autorità civili e militari della Provincia, nel salone di rappresentanza del Palazzo del Governo, dal presidente della Federazione Nazionale delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane F.a.i., Pippo Scandurra, e dal presidente onorario della stessa associazione, Tano Grasso; erano presenti in sala i presidenti delle associazioni siciliane facenti parte del F.a.i.

“Pago chi non paga” è una azione svolta nell’ambito del “Programma operativo nazionale sicurezza per lo sviluppo. Obiettivo convergenza 2007-2013, Consumo Critico Antiracket” che interessa Calabria, Sicilia, Campania e Puglia e ha come obiettivo la diffusione e il consolidamento di un circuito di economia fondato sulla legalità e lo sviluppo, di cui è beneficiario l’ufficio del Commissario nazionale antiracket; nella guida sono riportati imprenditori, esercenti e professionisti che non pagano il pizzo o che, essendo stati vittime di richieste estorsive, ne abbiano fatto denuncia.

Informazioni più dettagliate possono essere reperite al sito del progetto Pon http://www.sicurezzasud.it/

(97)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.