Operazione caldaia sicura. Utenti in difficoltà per mancata trasmissione della documentazione

Pubblicato il alle

3' min di lettura

CaldaiasicuraFelice Calabrò, Emilia Barrile, Simona Contestabile (Pd) chiedono al Commissario Croce di sollecitare i dirigenti/funzionari che coordinano il servizio di controllo e verifica impianti termici affinché attivino tutte le procedure poste a tutela degli utenti, che hanno lamentato il mancato recapito dei bollettini per effettuare i versamenti richiesti, invitando la ditta affidataria del servizio caldaia sicura ad adempiere alle proprie funzioni prescritte dalla legge. Il Decreto Legislativo 192/05 prescrive la manutenzione degli impianti termici, al fine di monitorare l’efficienza energetica in funzione alla loro potenza; il Consiglio Comunale di Messina ha adottato il Regolamento relativo ai controlli con cadenza annuale per gli impianti a combustibile liquido o solido, indipendentemente dalla loro potenza. I controlli  devono essere effettuati da ditte abilitate e gli utenti devono, con cadenza biennale, trasmettere alla PROMECO S.M.E. Srl, ditta affidataria del servizio e concessionaria per il servizio di controllo degli impianti termici per il comune di Messina, l’autodichiarazione di avvenuta manutenzione dell’impianto termico con allegato il bollettino di versamento o altra prova di pagamento dell’importo dovuto. In caso di mancato ricevimento dell’autodichiarazione o di prodotta documentazione errata, entro la data di scadenza fissata, l’impianto sarà considerato non autodichiarato e, pertanto, soggetto a controllo dietro pagamento di una tariffa che va dai 70 ai 300 euro secondo tabelle prestabilite. «Molti cittadini, però, — dicono Calabrò, Barrile e Contestabile — si sono trovati in serie difficoltà perché non è stata recapitata loro a domicilio, compito che spetta alla ditta che si occupa del servizio manutenzione, la documentazione necessaria ad adempiere a quanto richiesto, così che gli stessi utenti sono stati costretti a recarsi allo sportello per recuperare gli incartamenti che la ditta avrebbe dovuto far recapitare a domicilio. Il mancato recapito dei bollettini (in difformità della prescrizione di cui al predetto art. 10) — proseguono — si tramuterà per molti utenti nel consequenziale non assolvimento dell’obbligo dell’autodichiarazione e, conseguentemente, nell’applicazione della verifica ispettiva dell’impianto termico e del relativo pagamento della quota relativa alla mancata trasmissione della revisione attuata». «Ai sensi dell’articolo 10 del “servizio di controllo e verifica impianti termici”, sono a cura dell’organismo affidatario la predisposizione, la stampa e la distribuzione, comprese le eventuali spese postali, di tutti i bollettini di conto corrente precompilati con nominativo e codice impianto, affinché gli utenti possano effettuare i versamenti dovuti, nell’ambito delle autodichiarazioni e/o verifiche ispettive — dicono Calabrò, Barrile e Contestabile — ; l’organismo affidatario — concludono — dovrà curare anche la predisposizione, la stampa e la distribuzione a proprie spese di tutta la modulistica (rapporti di prova, moduli denuncia nuovo impianto, bollini, etc) necessaria per lo svolgimento del servizio».

(68)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.