scrutatori

Le ” Politiche” non pagano. Senza soldi per gli scrutinatori le filiali di banca della zona sud

Pubblicato il alle

2' min di lettura

scrutatoriQualcosa non va nel pagamento agli scrutinatori delle elezioni Politiche di 24 e 25 febbraio. Questa mattina, come riferito da lettori che si sono recati agli sportelli Unicredit e Banco di Sicilia della zona sud, il versamento delle spettanze ai componenti dei seggi non è stato effettuato. Secondo quanto raccontato i funzionari di banca hanno invitato i cittadini che hanno lavorato nei due giorni elettorali di febbraio a recarsi a Palazzo Zanca o ritornare tra qualche giorno per perché non erano ancora giunti in cassa i fondi. Eppure, ancora oggi, con un comunicato stampa il Comune segnala che “In tutti gli sportelli delle filiali di Unicredit e Banco di Sicilia, presenti sul territorio nazionale, sono in pagamento le spettanze ai componenti i seggi elettorali per le Elezioni Politiche del 24 e 25 febbraio. Il sistema di pagamento bancario, introdotto per il referendum del 2011, grazie a nuove procedure informatiche definite dalla Ragioneria generale – servizio elettorale del Comune, offre la possibilità per i componenti dei seggi di richiedere il pagamento dei compensi, in numerosi sportelli, presentandosi muniti di un documento di riconoscimento e del codice fiscale. Sono stati 1588 gli elettori a Messina chiamati ad assolvere l’incarico di presidenti, segretari e scrutatori per l’appuntamento elettorale dello scorso febbraio. Ai presidenti spettano 187 euro e ad ognuno degli scrutatori 145 euro; per i seggi speciali i compensi sono rispettivamente 90 euro e 61”. Ma i soldi non sono ancora giunti, almeno agli sportelli della zona sud.

 

(44)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.