Comitato Pendolari Stazione di Giampilieri 01 giugno 2013 a

Metroferrovia Giampilieri, ancora disservizi. Il comitato Pendolari scrive ad Accorinti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Comitato Pendolari Stazione di Giampilieri 01 giugno 2013 aIl Comitato Pendolari Siciliani scrive al sindaco Renato  Accorinti per segnalare i continui disservizi dei treni e — si legge nella nota — « il disagio che giornalmente procura la prima delle quattro corse giornaliere della Metroferrovia di Giampilieri, e precisamente quella delle 6.55, ai treni stracolmi di pendolari in arrivo a Messina».

Al sindaco Accorinti il Comitato chiede un intervento deciso al Dipartimento Infrastrutture e Mobilità della Regione Siciliana e alla Direzione Sicilia di Trenitalia, per trovare una soluzione condivisa che possa regolarizzare il servizio metroferroviario.

«Quasi tutti i giorni i treni del mattino in arrivo a Messina — puntualizza il Comitato nella lettera —  accumulano  dai 10 ai 20 minuti di ritardo e in molti casi creano ancora più disagi a chi deve proseguire per raggiungere Reggio Calabria, diventando un continuo calvario. Si rende necessario un Suo autorevole intervento per modificare e/o rimodulare l’orario di partenza da Giampilieri del treno 12892 (ore 6.55) e concordare con il Dipartimento Regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità le soluzioni per far ripartire con un’oculata programmazione la tanto attesa “Metroferrovia” che, dopo una partenza sfavillante, è stata messa a regime ridotto con solo quattro treni nell’arco della giornata. La riduzione delle corse — conclude il Comitato — sta penalizzando molto la mobilità dei cittadini ricadenti nel territorio tra Giampilieri e la Città. Visti gli investimenti per la tale realizzazione oggi è necessario, con le dovute risorse, farla ripartire a pieno regime assicurando ai suoi concittadini e a chi giunge a Messina, una mobilità eco-sostenibile».

(57)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.