collage alessandro russo e cateno de luca

Messina. Riapertura mercato delle pulci, Russo: «L’ordinanza del Sindaco non è legittima»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Dovrebbe riaprire proprio domenica 28 il mercato delle pulci nell’area dell’ex Mandalari di Messina. Almeno questo è quello che dice l’ordinanza del sindaco di Messina Cateno De Luca che regolamenta le attività all’interno degli spazi per vendere o acquistare merce usata. Secondo il consigliere del PD Alessandro Russo però l’ordinanza firmata da De Luca non sarebbe legittima e chiede al presidente del Consiglio Comunale e alla Segreteria Generale del Comune di verificare la fattibilità dell’ordinanza.

Ma perché non sarebbe legittima l’ordinanza che stabilisce la riapertura del mercato delle pulci a Messina? Perché dovrebbe essere il Consiglio Comunale a regolamentare i mercati cittadini. «L’istituzione di mercati nel territorio del Comune – scrive Alessandro Russo – è di espressa competenza del Consiglio Comunale e ancor di più lo è la loro disciplina e regolamentazione».

Riapertura del mercato delle pulci

Secondo l’ordinanza sindacale, gli operatori dovranno seguire una serie di regole e requisiti per poter accedere e lavorare all’interno del mercato delle pulci di Messina. Secondo Russo queste limitazioni non sarebbero di competenza del Sindaco De Luca.

«Il Sindaco e l’assessora Musolino – scrive ancora il consigliere comunale – impongono ai vari potenziali interessati alla partecipazione al mercato delle pulci una serie di obblighi e di requisiti partecipativi che sono di estremo dettaglio e che, lungi dal poter essere previsti per ordinanza sindacale, sono sicuramente di natura talmente specifica e dettagliata che andrebbero regolamentati con un vero e proprio regolamento di istituzione e disciplina del mercato citato – argomento di sicura competenza del Consiglio Comunale e non di Giunta».

Inoltre Russo chiede che venga verificato che le condizioni che motivarono la chiusura urgente per motivi sanitari e igienici del mercato, a marzo 2020, siano stati effettivamente risolti. Russo chiede, quindi, un intervento urgente per «un parere circa la legittimità dell’Ordinanza Sindacale e, in subordine, l’attivazione delle eventuali misure di revoca».

(145)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.