Chiuso per un mese il mercato delle pulci di Giostra. De Luca: «È una discarica»

foto degli operatori che ripuliscono il mercato delle pulci di giostra, a messinaIl mercato delle pulci di Giostra rimarrà chiuso per tutto il mese di marzo. A stabilirlo è stato il sindaco di Messina Cateno De Luca, a causa delle condizioni in cui versava l’area, ormai trasformata in una sorta di discarica dove venivano abbandonati rifiuti, vecchi abiti, valigie, e persino un motorino rubato.

La decisione, comunica il primo cittadino, arriva dopo una serie di controlli e avvisi agli operatori del mercato domenicale di Giostra. Stando a quanto riportato dal Sindaco e dall’assessore Dafne Musolino, infatti, non si tratterebbe di una situazione “occasionale”. Ogni lunedì, scrive De Luca, gli operatori di MessinaServizi Bene Comune che si recavano all’area ex Mandalari (sede del mercato) per svolgere il proprio lavoro, protestavano per le condizioni di «assoluta mancanza di igiene».foto degli operatori che ripuliscono il mercato delle pulci di giostra, a messina

«Nonostante i controlli della Polizia Municipale – spiega il sindaco Cateno De Luca –, che ogni domenica verifica gli ingressi al mercato e sanziona gli abusivi, l’area del mercato delle pulci di viale Giostra si era trasformata in una sorta di discarica di rifiuti, dove a fine giornata venivano abbandonati abiti vecchi, pezzi di arredamento, valigie, scarpe, cose vecchie e spesso sporche che venivano prelevate dai cassonetti».

foto degli operatori che ripuliscono il mercato delle pulci di giostra, a messina

Ma non solo. Durante uno degli ultimi controlli, nell’area ex Mandalari è stato ritrovato un motorino risultato rubato e molta “merce di dubbia provenienza: «È giunto il momento di ripristinare le regole – conclude De Luca – e per farlo occorre riorganizzare il mercato e bonificarlo. Per questo motivo abbiamo sospeso il mercato delle pulci per tutto il mese di marzo».

foto degli operatori che ripuliscono il mercato delle pulci di giostra, a messina

(700)

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *