cartello messina family card

Messina Family Card, interrogazione di Gioveni: «Si riattivi per Natale»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il Natale si avvicina, ma non sarà lo stesso per tutti. Per qualcuno, purtroppo, potrebbe essere un periodo economicamente difficile come gli altri. In questi casi, è compito delle istituzioni intervenire per aiutare le famiglie maggiormente colpite dalla crisi. Un’idea potrebbe essere quella di riattivare la Messina Family Card, come chiede il consigliere comunale Libero Gioveni, che ha inoltrato un’interrogazione in merito.

«A 20 giorni dall’inizio del periodo natalizio – scrive l’esponente di Fratelli d’Italia – e considerati i momenti di estrema difficoltà che parecchie famiglie, a causa del lungo periodo pandemico che dura ormai da quasi 2 anni, hanno dovuto subire e stanno ancora subendo, il pensiero dello scrivente non può non essere rivolto verso quei concittadini che, al pari di altri, meritano certamente di trascorrere le festività natalizie in modo più sereno».

L’ultimo bando per la Messina Family Card è stato annunciato lo scorso settembre, con le domande che sono state presentate dal 21 al 30 settembre 2021. Ora, Gioveni interroga l’amministrazione comunale sulle possibili intenzioni  di riproporre l’iniziativa che permetteva ai cittadini di acquistare beni di prima necessità o comunque un bonus equivalente creato appositamente per Natale.

«Mi preme conoscere – continua Gioveni – le intenzioni ed eventualmente i tempi e le modalità con cui codesta Amministrazione si voglia adoperare per poter far presentare le istanze volte ad ottenere quello che al momento viene definito ormai da tutti “bonus di Natale 2021”, visto che la competenza è stata demandata appunto ai Comuni che devono varare un apposito bando, così come previsto dal provvedimento governativo».

Per finanziare questo contributo, suggerisce il Consigliere, il Comune potrebbe attingere dai 500 milioni di euro stanziati dal governo con il Decreto Sostegni bis. In particolare, la cifra erogata da Roma dovrebbe essere ripartita sotto forma di bonus di importo non superiore a 1.400 euro per le famiglie con ISEE fino a 8.000 euro.

«Una ripresentazione delle istanze – conclude – per ottenere un concreto sostegno a ridosso del Natale, qualsiasi sia il nome che si voglia dare alla misura (“family card” o “bonus natalizio”) consentirebbe di certo nel periodo più bello e atteso dell’anno di far bandire la tavola a tutte le famiglie messinesi indistintamente».

(1347)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.