Meno di un mese per la prima rata Tares. Ecco quanto costa riempire il bidone della spazzatura

tares bidone 2Non sono ancora tariffe ufficiali, si attende l’ok del Consiglio comunale, ma tanto basta a far tremare, almeno a Messina, gli abitanti. La Tares esplode a livello nazionale, troppo vicina, ahinoi, per scadenza della prima rata ( 16 dicembre) consistente nel 33% dell’intero importo.
Ecco i numeri che interessano le famiglie: una composta da tre persone, che vive in una casa di 80 mq pagherà 394,64 euro (prima rata del 33% in scadenza il 16 dicembre). In 4, in appartamento di 100 metri quadri, pagherà 502 euro. Se siete in due ma la casa tocca i 110 metri quadri, pagherete 420 euro. La vecchia Tarsu imponeva a famiglia la media di 244,72 euro. La Tares prevede agevolazioni? Sì, il 30% in meno per abitazioni ad uso stagionale, “vissute” periodicamente per meno di sei mesi l’anno. Inoltre non fanno numero nel nucleo familiare i congiunti che studiano o lavorano fuori per più di sei mesi o quelli che abbiano invalidità tra l’80 e il 100% con reddito annuo inferiore a 8 mila euro. Non pagano la Tares gli ultrasettantenni, soli, invalidi al 100% .
Verrà premiato chi farà la raccolta differenziata dei rifiuti
e adotterà il sistema per le utenze non domestiche, come il porta e porta. Tutto questo affinché i cittadini e i commercianti possano risparmiare e Palazzo Zanca ridurre le spese per trasporto e smaltimento dei solidi urbani. Con la Tares, infatti, il costo complessivo della gestione dei rifiuti non sarà diviso con il Comune, come succedeva con la Tarsu, ma sarà a totale carico del contribuente.
Queesta mattina, l’assessore al Bilancio, Guido Signorino, ha illustrato le tariffe della nuova tassa sui rifiuti ai consiglieri comunali. Adesso toccherà a loro l’approvazione o l’apporto di eventuali modifiche.

(55)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *