“Libera” contro le mafie a Messina per due importanti appuntamenti

Libera1Venerdì 8 e sabato 9 novembre, si svolgeranno a Messina, nei locali del bene confiscato alla mafia di Via Roosevelt 6, due importanti appuntamenti di “Libera”, l’associazione nata il 25 marzo 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia, in Sicilia.

«Le due giornate di incontro – afferma Umberto Di Maggio, coordinatore regionale di “Libera” – vogliono rappresentare importanti occasioni per riscoprire il senso dello stare insieme e di essere soggetto alternativo a mafie, corruzione e illegalità. I naufragi nel Mediterraneo, le costituzioni di parte civile nei tanti processi, la miseria e le povertà crescenti, le incertezze politiche, la crisi congiunturale e tanto altro ancora ci impongono una seria riflessione su “noi” e sul “noi”».

Venerdì 8 novembre, alle 18.00, si riunirà il costituendo Presidio di Messina composto da numerose associazioni e singoli cittadini della Città. Sabato 9 novembre, si riunirà il Coordinamento Regionale di “Libera” aperto ai referenti provinciali, ai responsabili di presidio territoriali e dell’Officina regionale, con due differenti momenti: dalle 9.30 alle 13.00, il Coordinamento Regionale farà il punto sul progetto “Salvagente”che ha visto impegnata l’associazione su tutto il territorio nazionale in continuità con gli sforzi profusi dal progetto “Sos Giustizia” e a difesa e sostegno dei testimoni di giustizia; dalle 14.00 alle 18.00, si terrà un momento di confronto sulle progettualità di “Libera” in Sicilia.

La scelta di convocare il Coordinamento Regionale a Messina, in un bene confiscato alla mafia dato in gestione al Comitato “Addiopizzo”, vuole rappresentare inoltre, un segnale di apprezzamento e di incoraggiamento nei confronti degli ottimi risultati che Magistratura e Forze dell’Ordine stanno conseguendo sul territorio provinciale nel contrasto alle organizzazioni mafiose, ma anche verso i numerosi sforzi che vengono dall’associazionismo e dalla società responsabile, in direzione di un contrasto fatto di prevenzione e buone prassi. 

(51)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *