La Fiera riapre ai cittadini. Torna a vivere una parte storica della città

Pubblicato il alle

2' min di lettura

fiera messinaLa fiera torna alla comunità. Ieri il Comitato portuale, nel corso di una seduta, ha discusso tutti i punti da chiarire e le problematiche da risolvere per dare un futuro all’area fieristica. Rimangono ancora degli accertamenti da fare che richiederanno qualche tempo. Ancora aperte le questioni relative a manutenzione, pulizie e illuminazione ma già risolta quella concernente la vigilanza e i costi che da essa derivano: a farsi carico di questa mansione sarà infatti un presidio stabile di Vigili Urbani che si occuperà della tutela dell’area. La decisione è stata presa dal presidente dell’Autorità Portuale, Antonino De Simone, e  dal Comandante della Polizia municipale, Calogero Ferlisi, delegato dal Commissario Croce. Grazie all’occupazione degli attivisti iniziata il 16 dicembre, che ha riportato in auge il tema dell’abbandono di un luogo storico lasciato al degrado, e ora anche all’impegno preso dall’Autorità portuale, una parte della città tornerà a vivere e ad essere vitale per i cittadini di Messina. E a proposito dell’occupazione del Teatro in Fiera, anche lo scrittore Andrea Camilleri aveva espresso solidarietà agli attivisti impegnati a recuperare una parte del patrimonio artistico cittadino: «Spero che questo movimento di recupero alla comunità di spazi culturali abbandonati — ha scritto in una lettera Camilleri — si diffonda sempre più in Italia e che una nuova rinascita culturale avvenga, una volta tanto, “dal basso” e per iniziativa autonoma dei lavoratori dello spettacolo e della cultura. Sono particolarmente legato al Teatro in Fiera poiché lo inaugurai nel 1977 con lo spettacolo Merli e Malvizi di Biagio Belfiore, storia della guerra intestina tra le due opposte fazioni nella Messina del 1600. Ricordo con particolare commozione quella data: è sempre bello inaugurare un teatro — continua nella missiva lo scrittore —, sentirlo vivere con i primi spettatori che mettono piede al suo interno. Così come è importante il legame che si forma con il suo territorio: alcuni tra i nomi che compaiono del vostro elenco lavorarono con me alla realizzazione di questo spettacolo».

(58)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.