Isola pedonale: esposto contro l’amministrazione comunale

isola pedonale dei mille per ecoGià due giorni fa era giunta una lettera a Palazzo Zanca, da parte del Comitato Spontaneo via dei Mille, in cui veniva lamentato l’insuccesso dell’isola pedonale natalizia. Secondo quei commercianti appartenenti alla fazione “no isola pedonale”, infatti, la scelta, a loro dire arbitraria, di chiudere la Via di Mille al traffico veicolare ha nuociuto al commercio.

Sulla scorta di questa convinzione, ieri il Comitato ha denunciato in Procura l’amministrazione comunale, per aver violato la sentenza del Tar che lo scorso ottobre ha dichiarato illegittima la delibera n.618, e la successiva proroga, emessa da Palazzo Zanca il 14 agosto 2014 riguardante l’istituzione dell’isola pedonale “Cairoli”. A presentare il ricorso al Tribunale Amministratrivo di Catania erano stati quattro commercianti di via dei Mille, che avevano agito contro il sindaco Accorinti e l’associazione “Millevetrine”.

Proprio il presidente di Millevetrine, Giambattista Arrrigo, lo scorso novembre aveva presentato istanza al Comune per chiudere al traffico la sola Via dei Mille nel periodo natalizio. Istanza accolta, e fu isola pedonale, dal 27 novrembre 2015 al 7 gennaio 2016.

Per il Comitato Spontaneo via dei Mille si è davanti a un illecito, visto il pronunciamento del Tar sulla vicenda che da tempo ormai divide la città in favorevoli o contrari.

Pare che già lo scorso 21 novembre il Comune avesse ricevuto la diffida da uno studio legale che assite il Comitato. Oggi alla diffida è seguita la denuncia. Intanto, l’isola pedonale il prossimo 6 gennaio andrà in soffitta.

(450)

2 Commenti

  • Giancarlo ha detto:

    In questo periodo di saldi, mi son reso conto che l’isola è fondamentale… Si riesca a fare uno shopping più “ragionato” (anche perché prima era comunque impossibile parcheggiare, tanto vale…)
    Se sapessero quanto ho speso nei negozi dell’isola prima e dopo Natale, forse certi commercianti si rimangerebbero quanto detto…

  • Giancarlo ha detto:

    Tra l’altro ogni esposto costa migliaia di euro… Evidentemente i commercianti non son messi così male se possono sborsare tali somme per queste bazzecole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *