Oncologia Policlinico

In stato di agitazione infermieri e ausiliari del Policlinico che si occupano di assistere i pazienti minori

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Oncologia PoliclinicoLa Flc Cgil di Messina ha deciso di proclamare lo stato di agitazione del personale infermieristico ed ausiliario in servizio presso l’UOC di Patologia Neonatale e UTIN.
“Il sindacato denuncia il fatto” dichiara Franco Di Renzo della FLC CGIL di Messina “che l’Amministrazione si è mostrata sorda a qualsiasi richiesta di colmare le carenze in dotazione organica, particolarmente di personale infermieristico, e non ha acconsentito ad incontrare il sindacato ed i lavoratori. Con ciò non si garantiscono i livelli minimi assistenziali”.
“L’unica soluzione individuata dall’Amministrazione – come si legge nella nota – è stata quella di bloccare le ferie del personale infermieristico, con la conseguenza che i dipendenti non solo si trovano
ad operare sotto organico ma si vedono anche privati della possibilità di poter godere del legittimo diritto al riposo, ed inoltre, sottoponendo i lavoratori ad un carico di lavoro particolarmente stressante, si rischia di far aumentare il rischio clinico.
Il sindacato ha denunciato tale situazione, unitamente a tutto il personale, ormai nel lontano 21 Febbraio, ma nulla è accaduto se non la decisione di ridurre i posti letto da 16 a 12 e di trasferire nell’unità in oggetto 4 unità infermieristiche, decisione del tutto insufficiente a far fronte alla carenza di organico (ad unità pienamente operativa con
16 posti letto occorrerebbero almeno 37 infermieri mentre attualmente ne sono presenti effettivamente – al netto di malattie, aspettative e maternità – 29 unità). Anzi la riduzione di posti letto ha come diretta conseguenza, che in caso di necessità, bisognerà trasferire i “piccoli pazienti” in altre strutture ospedaliere.
Tutto ciò appare più grave se si tiene presente che il Policlinico è stato individuato come centro “HUB” del Servizio Trasporto Emergenze Neonatali (STEN).
La FLC CGIL, conclude il comunicato, chiede un immediato confronto con l’Amministrazione dell’AOU e si riserva in caso contrario di intraprendere tutte le iniziative che riterrà opportune”.

(48)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.