Il Movimento Cambiamo Messina dal Basso insegna a vivere la città con l’isola pedonale

enrico di giacomo“Potrebbe sembrare una scelta neutra, meramente urbanistica o di viabilità.Ma istituire un’isola pedonale significa migliorare la qualità della vita: significa crescita della sicurezza stradale e miglioramento della qualità ambientale; significa aumento dell’uso dei mezzi pubblici con conseguente decongestionamento del traffico; significa attenzione ai bambini, agli anziani, ai pedoni, ai disabili, ai ciclisti; significa, soprattutto,
creare spazi e occasioni di socialità”. Lo scrive in un comunicato stampa il MOvemento Cambiamo Messina dal basso, i cui attivisti e vari cittadini, ieri mattina, in un’area dell’isola pedonale, hanno giocato e disegnato con i bambini, distribuito palloncini colorati, e informato sulla campagna “Io non rifiuto” (raccolta differenziata).
“Siamo consapevoli – si legge nel comunicato – che alcune abitudini, dal parcheggio in doppia fila all’uso smodato del clacson, alla pretesa di giungere in auto fin davanti alla porta di un negozio, sono dure a morire; ma sappiamo anche che i cambiamenti avvengono lentamente e che, se pian piano si assapora la bellezza di una novità, si impara a farla propria e ad alimentarla. Moltissimi cittadini salutano con grande gioia questo grande passo di civiltà e ne riconoscono il valore ambientale e culturale. Siamo certi che presto saranno chiari a tutti i suoi effetti in termine di benessere e felicità. Intanto, stamattina l’isola ha brulicato di vita e di incontri, e il nostro desiderio è che giorno dopo giorno vita e incontri riempiano quegli spazi di significati sempre nuovi”.

(72)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *