Il Monopoly dedicato alla Sicilia: l’iniziativa de I Borghi più Belli d’Italia

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Se siete ancora alla ricerca di un regalo originale per Natale, potreste pensare di prendere il Monopoly dedicato alla Sicilia. Il classico gioco da tavolo, che in Italia venne pubblicato nel 1936, adesso rivive in una nuova versione tutta dedicata ai borghi siciliani. Al posto del Parco della Vittoria, per esempio, potreste ritrovarvi a Palazzolo Acreide o a Sambuca di Sicilia.

Ed è proprio il Sindaco di Sambuca di Sicilia, Giuseppe Cacioppo a dare la notizia sul suo profilo Facebook. «Immaginate un gioco di società – scrive Cacioppo – e tra le caselle trovate Sambuca di Sicilia dove acquistare una casa. Tutto ciò ora è possibile. Con l’edizione “Sicilia” e in accordo con i “Borghi più Belli d’Italia” sarà ancora più facile investire a Sambuca e negli altri 22 borghi siciliani. Ottima idea regalo».

La Sicilia nel Monopoly

Anche nella versione siciliana rimangono le regole del tradizionale Monopoly. Si avanza fino a Ibla, passando per Gangi e Cefalù. Si costruiscono alberghi e si ristrutturano case. L’obiettivo finale è quello di diventare “monopolista”, cioè restare l’ultimo “finanziere” in partita dopo che tutti gli altri hanno fatto bancarotta. Nel corso degli anni, sono state realizzate diverse edizioni del Monopoly. L’ultima, in ordine cronologico, è quella dedicata ai borghi di Toscana, Umbria, Molise e Abruzzo. Adesso, grazie ad una nuova iniziativa della rete de I Borghi più Belli d’Italia arriva l’edizione del Monopoly dedicata ai piccoli luoghi ricchi di bellezza dell’Isola. Un gioco da fare insieme a tutta la famiglia, alla scoperta dei borghi più belli della Sicilia.

I Borghi più belli della Sicilia

La rete nazionale de I Borghi più belli di Italia nasce nel 2001 dall’esigenza di valorizzare il grande patrimonio storico, artistico e culturale, ma anche per preservare l’ambiente e le tradizioni presenti nei piccoli centri italiani che sono, per la grande parte, emarginati dai flussi dei visitatori e dei turisti.

(266)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.