Dalla Liguria alla Sicilia nelle 43 tappe dell’Appennino Bike Tour

Pubblicato il alle

2' min di lettura

È stata presentata nei giorni scorsi l’Appennino Bike Tour, undicesima ciclovia turistica d’Italia che attraversa lo stivale dalla Liguria alla Sicilia, in 43 tappe. La nuova ciclovia turistica nazionale – identificata dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili grazie agli interventi del decreto semplificazioni – è finanziata con 2 milioni di euro per l’installazione della cartellonistica.

L’itinerario prevede 2.600 chilometri lungo strade secondarie a basso traffico, con caratteristiche diverse rispetto a quelle già progettate finora, e che coniuga ben 14 regioni al fine di favorire uno sviluppo sostenibile delle aree interne del Paese. L’omonima Associazione Appennino Bike Tour che ha sviluppato il progetto a partire dal G7 Ambiente di Bologna nel 2017 ha di recente incaricato un team di tecnici per completare l’affinamento del percorso richiesto dal Ministero, in una logica cooperativa e d’intesa con gli enti territoriali competenti.

Ciò consentirà, per l’autunno 2021, di consegnare le migliori tracce a basso traffico che collegano le tappe e le grafiche turistiche del percorso; il Ministero potrà quindi procedere con gli adempimenti connessi alla messa in opera della segnaletica rendendo visibile l’itinerario Appennino Bike Tour per l’estate 2022.

In bici dalla Liguria alla Sicilia – arriva l’Appenino Bike Tour

La Sicilia sarà l’ultima tappa dell’Appenino Bike Tour, che parte da Altare in provincia di Savona e arriva ad Alia in provincia di Palermo.

Saranno 7 le tappe sull’Isola:

  • Monforte San Giorgio;
  • Antillo;
  • Montalbano Elicona;
  • Bronte;
  • Capizzi;
  • Petralia Sottana;
  • Alia.

Soddisfatta anche la sottosegretaria Barbara Floridia che insieme all’On. Roberto Traversi ha individuato le risorse per l’installazione della cartellonistica. «Questo – dice la Floridia – è un bellissimo progetto che seguo da anni e che sono felice di vedere concretizzarsi. Contribuirà a migliorare la qualità della vita delle persone, rispettando al tempo stesso l’ambiente.

Grazie a questa ciclovia, oltre a lanciare una nuova modalità di turismo, contribuiremo allo sviluppo sostenibile dei nostri meravigliosi borghi, di quell’entroterra distante dalle coste e quindi troppo spesso abbandonato e poco conosciuto, ma ricco di tradizioni, e che rappresenta l’eccellenza, la ricchezza paesaggistica, culturale ed enogastronomica del nostro Paese».

 

(189)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.