Coronavirus. L’Università di Messina attiva il servizio SOS – Supporto Operatori Sanitari

Pubblicato il alle

2' min di lettura

L’Università di Messina attiva il servizio di supporto psicologico dedicato agli operatori sanitari, da settimane impegnati in prima linea nell’emergenza coronavirus. Si ampliano così i servizi promossi e coordinati dal Centro di Ricerca e di Intervento psicologico (CeRIP) dell’Università di Messina, grazie alla volontaria partecipazione di psicoterapeuti che da anni operano in ambito sanitario.

«Il personale medico e tutti gli operatori delle professioni sanitarie sono attualmente impegnati nella gestione dell’emergenza coronavirus – dice la prof.ssa Marina Quattropani – e, viste le numerose richieste inviate al Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, abbiamo deciso di attivare il servizio SOS – Supporto Operatori Sanitari, grazie alla collaborazione di alcuni psicoterapeuti che hanno accolto l’invito di supportare il personale sanitario, attraverso colloqui individuali in videochiamata o con semplice chiamata tramite Skype».

I ritmi di lavoro e l’eccezionalità della situazione possono comportare eccessivi livelli di stress nel personale che opera in ambito sanitario, pertanto ciascuno di noi può aiutarli continuando a stare a casa e seguendo le indicazioni che ci vengono date, sostenendoli anche se a distanza.

Con questo spirito, è stato attivato l’account Skype “SOS Supporto Operatori Sanitari”garantito dai dott.ri: Bonanno Stellario(Messina); Camuti Catena (Patti); Donzelli Aurora (Augusta), Fichera Rosa (Messina); Lombardo Santina (Milazzo); Quattropani Mrina (Messina), Tribulato Graziella (Messina).

Sono tutti psicoterapeuti iscritti all’albo professionale che lavorano in ambito sanitario da più di 10 anni.

«Ci tengo a sottolineare che è possibile realizzare questa e tante altre iniziative – ha aggiunto il Rettore –  solo grazie ad un lavoro di rete che veda la compartecipazione di tutti. Ringrazio tutti i professionisti che hanno voluto aderire all’iniziativa e continuo a pensare che con l’apporto di tutti possiamo superare questo difficile momento. Non siamo soli».

(223)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.