tamponi rapidi drive in

Messina. Contatti stretti, positivi e coabitanti: le nuove regole su tamponi e quarantena

Pubblicato il alle

5' min di lettura

Visto l’aumento dei contagi a Messina come nel resto d’Italia, l’Ufficio del Commissario Straordinario per l’Emergenza Covid dispone nuove regole per la fine delle misure di quarantena e isolamento. Non servirà più sottoporsi al tampone molecolare, ma basterà un esito negativo al test antigenico rapido. Vediamo, nel dettaglio, le regole per contatti stretti, casi positivi e coabitanti di contagiati. 

«Si dispone – scrive l’Ufficio del Commissario per l’Emergenza Covid-19 in una nota –, quindi, da oggi che basterà un test con tampone molecolare per confermare i casi covid rilevati con test antigenici rapidi eseguiti presso le aree screening, i drive-in, le UU.SS.CC.AA. o le strutture private autorizzate (es. laboratori e farmacie). Successivamente alla conferma del primo test antigenico rapido con il molecolare, dovranno essere eseguiti, fino alla negativizzazione, esclusivamente test antigenici rapidi».

Più nel dettaglio, in attesa di diverse indicazioni da parte della Regione Siciliana:

  • I test molecolari RT-PCR dovranno essere utilizzati esclusivamente per confermare i casi covid rilevati con test antigenico rapido eseguito presso le aree screening, i drive-in, le UU.SS.CC.AA. o le strutture private autorizzate (es. laboratori e farmacie);
  • Gli operatori in servizio presso le aree screening, i drive-in e le UU.SS.CC.AA. provvederanno all’immediata esecuzione del test molecolare esclusivamente sul soggetto risultato positivo al test antigenico rapido;
  • Successivamente alla conferma del primo test antigenico rapido, dovranno essere eseguiti, fino alla negativizzazione, esclusivamente test antigenici rapidi. Ne deriva che per ogni soggetto risultato positivo potrà essere eseguito un solo test molecolare RTPCR.

Quindi, i tamponi molecolari saranno eseguiti solo per confermare eventuali casi positivi riscontrati con il test rapido. I soggetti posti in quarantena o isolamento, per uscirne ai termini del periodo previsto dalla normativa saranno sottoposti a tampone rapido – non più molecolare –, finché questo non risulterà negativo.

Le regole su tamponi e quarantena per positivi covid e contatti stretti

Contatti stretti (ad alto rischio)

  • Soggetti non vaccinati o che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (i.e. abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste) o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni: è prevista la quarantena di 10 giorni e test antigenico rapido al termine del periodo con risultato negativo.
  • Per i soggetti che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni, e che abbiano tuttora in corso di validità il green pass, o guariti da più di 120 giorni è prevista la quarantena di 5 giorni e test antigenico rapido al termine del periodo con risultato negativo.
  • Per i soggetti asintomatici con terza dose o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario (2 dosi) nei primi 120 giorni (ma più di 14 giorni) o che siano guariti da infezione da SARS-CoV-2 nei 120 giorni precedenti non è prevista alcuna quarantena. Il soggetto potrà essere sottoposto a test antigenico rapido alla prima comparsa dei sintomi al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid-19.
  • Per gli operatori sanitari non è prevista quarantena, ma solo l’esecuzione di test antigenici rapidi su base giornaliera fino al quinto giorno dall’ultimo contatto con un soggetto contagiato.

Coabitanti

  • Per i soggetti asintomatici con terza dose o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario (2 dosi) nei primi 120 giorni (ma più di 14 giorni) o che siano guariti da infezione da SARS-CoV-2 nei 120 giorni precedenti non è prevista alcuna quarantena. Il soggetto potrà essere sottoposto a test antigenico rapido alla prima comparsa dei sintomi al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid-19.
  • Per i soggetti che abbiano completato il ciclo vaccinale primario o siano guariti da più di 120 giorni o soggetti non vaccinati o che abbiano ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni è prevista la quarantena per tutta la durata della positività con test antigenico rapido programmato contemporaneamente al coabitante positivo. Fine quarantena alla negativizzazione dei coabitanti positivi.

Casi positivi

  • Per i soggetti vaccinati terza dose o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario (due dosi) nei 120 giorni precedenti è previsto l’isolamento di 7 giorni e test antigenico rapido al termine del periodo. In caso di esito positivo, ulteriore tampone rapido programmato a 7 giorni. Qualora quest’ultimo risultasse ancora positivo dovrà essere ripetuto dopo ulteriori 3 giorni.
  • Per gli altri soggetti è previsto l’isolamento di 10 giorni e l’esecuzione di un test antigenico rapido al termine del periodo. In caso di esito positivo verrà ripetuto ulteriore tampone rapido programmato a 7 giorni ed eventualmente dopo ulteriori 3 giorni.

(4816)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.