Case per Fondo Fucile, c’è il bando

accorinti de cola fondo fucilePalazzo Zanca, come un’agenzia immobiliare, a caccia di case per i baraccati di Fondo Fucile che a breve dovranno lasciare le casupole. E’ in pubblicazione all’Albo pretorio la delibera di giunta n. 151 con oggetto la procedura di acquisto alloggi ai fini del risanamento dell’area di fondo Fucile, all’interno del piano particolareggiato di risanamento ambito “E”, con allegato l’avviso ricognitivo finalizzato all’acquisto di alloggi. Gli interessati potranno presentare le offerte, entro il 15 aprile, al dipartimento politiche per la casa del Comune di Messina, piazza Unione Europea. La delibera è disponibile anche sul sito www.cittadimessina.it nella sezione News. Gli appartamenti non dovranno superare il costo di 1.300 euro a metro quadro con un canone sociale a carico di 51,50 euro al mese per gli inquilini. Questo grazie ai dieci milioni di euro stanziati dalla Regione per il Risanamento. Ieri la conferenza stampa del sindaco Renato Accorinti e dell’assessore all’Urbanistica Sergio De Cola che dice “E’ il primo intervento sostanziale di questa amministrazione sul fronte Risanamento, non costruiamo case ma le acquistiamo e tentiamo di creare aree Verdi, chi è interessato a proporre alloggi in vendita può farlo – prosegue De Cola – è un bando abbastanza dettagliato, l’ordine di grandezza d’acquisto è di un centinaio, da alcune indagini informali che abbiamo fatto mi sembra che riusciremo a raggiungere questi numeri, dopo il bando ci saranno 45 giorni per i controlli tecnici, poi mandiamo alla Regione l’elenco degli alloggi e la Regione ci manda i soldi per l’acquisto delle case, il censimento per assegnare le case è quello del 2002”.

(57)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *