Cataratti ancora senz’acqua. Silenzio da Amam e Comune

868_1040847549292537_4995510843577489925_nCiò che avevamo prospettato ieri, oggi (vigilia di Natale) è purtroppo divenuto realtà: gli abitanti di Cataratti si preparano a vivere un Natale senz’acqua. L’erogazione idrica nel villaggio collinare non è mai pienamente ripresa dopo il guasto alla condotta Fiumefreddo riscontrato sabato scorso. Da cinque giorni, i rubinetti di dieci palazzine popolari sono a secco. Alle prime luci di questa mattina, l’acqua è riuscita temporaneamente a raggiungere le abitazioni poste ai piani bassi senza però riempire i serbatoi, il sollievo è durato solo qualche ora. Resta invece critica la situazione dei piani più alti dove il prezioso liquido non è mai tornato a sgorgare dai rubinetti.

Intanto aumenta la rabbia dei residenti della zona, alcuni alle prese con anziani malati e bambini. Sul posto si è recato il presidente della III Circoscrizione Natale Cucè che ha provato invano a segnalare nuovamente il problema alle autorità preposte. “I telefoni di Amam sono staccati – spiega Cucè – mentre Sindaco e assessore De Cola non rispondono. E dire che per il presidente Leonardo Termini ieri la questione si era già risolta. Avevo, inoltre, richiesto l’invio di autobotti almeno per garantire acqua potabile alle cento famiglie coinvolte, finora non si è visto nessuno eccetto i rappresentanti del Quartiere”.

Finora i cittadini di Cataratti stanno tamponando la situazione riempendo bottiglie e bidoni da una fontana posta nelle vicinanze. Uno scenario da terzo mondo che dopo l’emergenza di ottobre e novembre si ripropone ancora una volta per le strade messinesi.

 

(99)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *