Mondiali di Calcio – L’Argentina riscopre Higuain, dopo 24 anni tra le prime quattro

2014-07-05T155936Z 1651186857 TB3EA751B2O18 RTRMADP 3 SOCCER-WORLD-M60-ARG-BEL mediagallery-articleGol neanche a parlarne. Aveva a stento centrato la porta tre volte, in tutto il Mondiale. Ma Gonzalo Higuain ha scelto un buon momento per svegliarsi: quarto di finale con il Belgio, gol dopo otto minuti di gioco e Argentina sospinta in semifinale, a due passi dal titolo, a uno da quella resa dei conti con il Brasile che gli scatenati tifosi della Seleccion invocano da quando il tabellone ha preso forma. E se il Brasile è apparso cresciuto, nei quarti, stessa cosa dicasi della squadra di Sabella, che mostra il miglior primo tempo del suo torneo, e che soffre un po’ solo nella ripresa, contro un Belgio inizialmente deludente almeno quanto la Colombia. E poi, per continuare con le similitudini, stavolta decisamente non gradite, il k.o. di Di Maria (problema muscolare alla coscia destra) fa “scopa” con quello di Neymar, o quasi.
Nell’ultima mezz’ora Wilmots mette dentro Lukaku e Mertens (per Origi e Mirallas): la generazione d’oro belga, piuttosto “piantata” e con poche idee offensive, inizia a cercare con costanza la via aerea: lì i vari Fellaini, e Witsel dominano. Fra sponde e tentativi di colpi di testa arriva un tiro deviato di De Bruyne, qualche mischia, una bomba alta di Witsel. L’Argentina di Sabella trema, ma porta a casa la pelle. E lo scalpo belga. Entra fra le prime quattro dopo ventiquattro anni. E ci crede. Se hai Messi, se qualche compagno inizia a girare, come fai a non crederci?

(38)

Categorie

Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *