Automobilismo – Rally di casa sfortunato per la S.G.B. Rallye

Calabro SalvatoreEnorme dose di sfortuna per la compagine nebroidea seguita in prima linea per l’occasione dal suo direttore sportivo Mauro Gulino. Una serie di stop forzati hanno decimato la squadra di equipaggi che si sono presentati ai nastri di partenza di questo primo rallyday golfo di patti e Tindari. Il primo equipaggio ad alzare bandiera bianca è stato proprio quello del fortissimo pilota cerdese Totò Riolo che in coppia con il suo fido naviga Massimiliano Alduina stava dominando la gara fin quando un banale problema alla loro Mitsubishi Evo X li ha costretti a fermarsi durante un tratto di trasferimento, dopo aver tra l’altro vinto tutte le prove disputate. Amaro ritiro anche per l’equipaggio locale composto da Giuseppe Schepis con alle note Isabella Schepisi costretto ad arrendersi per noie meccaniche al propulsore della loro potente Renault Clio Williams di gruppo A.

Altro amaro ritiro per la giovane ma molto veloce  coppia formata da Matteo Salpietro e Michele Marturano che a bordo della loro Renault Clio Williams di gruppo N hanno patito delle noie di carattere elettrico che li ha costretti allo stop nonostante il tempestivo intervento dei ragazzi dell’assistenza e mentre stavano conducendo una gara senza sbavature. Sempre un problema meccanico è costato questa volta lo stop per l’equipaggio composto da Massimiliano Merendino e Francesco Tricoli che stavano ben figurando a bordo della loro Peugeot 106 Rally in classe A6 che sono comunque riusciti a vedere il traguardo finale.

In classe A5 ottimo secondo posto per il campione Siciliano Nicol Ridolfo navigato come sempre da Antonio Tumeo a bordo della sua veloce ed affidabile Peugeot 106 Rally. A seguire, subito dietro, il duo Cappadona con Antonio al volante ed Alessia, sua figlia, alle note che sono riusciti a portare a podio la loro Peugeot 205 Rally dimostrando di aver acquisito un buon feeling con la vettura. 7° posto di classe sempre in A5 a bordo di una Peugeot 106 Rally per Tindaro Segreto ed Antonio Procopio, ritirato il duo composto da Gianfranco Starvagi e Antonino Scaffidi su Peugeot 205 Rally per la rottura di un semiasse.

Maiuscola prestazione in classe N2 per il sempre velocissimo Salvatore Calabrò che navigato da Teodoro Ruggeri ha condotto una gara tutta all’attacco vincendo una classe molto combattuta sia per gli ottimi piloti presenti, sia per i mezzi più evoluti, rispetto alla sua comunque veloce Peugeot 106 Rally. Sempre in N2 si registra il 6° posto di Franco Schepis in coppia con Claudio Di Bua anche loro a bordo di una potente Peugeot 106 Rally, risultato condizionato dalla prima prova speciale effettuata con un problema elettronico. Costretti al ritiro invece Biagio Scaglione con alle note Alfredo Cicirello per noie meccaniche e l’unico equipaggio femminile composto da Jessica Biondo (figlia del compianto vice presidente della scuderia Agostino) navigata da Federica Schepisi costrette alla resa all’ultima ps, dopo una più che positiva gara, per una brutta uscita di strada.

In classe N1 ottimo secondo posto per un ottimo Gianluca Di Dio Masa in coppia con la fidanzata Giusy Tricoli e 4° posto per il giovanissimo Andrea Borrello navigato da Andrea Adamo autore di una gara tutta in rimonta, entrambi a bordo di Peugeot 106 Rally. Nella stessa classe non sfigurano Alessandro De Luca con alle note Antonio Bellardita che raggiungono il 5° posto di classe e secondo nella classifica Under 23 e la coppia composta da Fabio Cosenza e Cristian Pagana che tagliano il traguardo con il 7° posto di classe dopo una gara in crescendo finendo davanti a diverse vetture di classe maggiore. In conclusione l’equipaggio composto da Tindaro Borrello e Kevin Schepisi che a bordo della loro Fiat Cinquecento Sporting vincono la classe RS1 puntando sul divertimento e conducendo una gara regolare e senza sbavature.

(41)

Categorie

Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *