“ASD Nibali”: mentre Vincenzo è pronto per Rio, i suoi “squaletti” vanno in Toscana

ASD Nibali MeSi è conclusa l’esperienza friulana per i ragazzi della “ASD Nibali” di Messina. Gli “squali” hanno alloggiato a Caneva, per uno stage che prevedeva allenamenti congiunti con i colleghi della “Gottardo Giochi” e la partecipazione alle gare del calendario triveneto. È stata infatti una straordinaria opportunità, per gemellare due società che hanno in comune valori ed obiettivi finalizzata alla crescita dei ragazzi, un interesse non solo prettamente agonistico, ma anche educativo.

Il direttore sportivo Pippo Cipriano, che guida la squadra insieme al Team Manager Lillo La Rosa, ha dichiarato soddisfatto: “I ragazzi hanno fatto una esperienza altamente formativa, sia dal punto di vista sportivo che da quello personale. Confrontarsi con i coetanei e mettersi alla prova in una realtà così diversa dalla nostra li ha fatti maturare ulteriormente”. Bravi sono stati sia i “Giallo Neri”, di Michele Biz e del Patron Massimo Raimondi, che i “Giallo Rossi” della Nibali. Molto bella la prestazione di Cosimo Mazzeo sul San Boldo, a Vittorio Veneto, sotto l’occhio attento dello sportivissimo Gigi Pianca, che ha colto il nono posto.

Sfortunata, purtroppo, la prova degli “squaletti” a San Pietro Viminario che, dopo aver condotto la gara sempre nelle prime posizioni del gruppo, in prossimità dell’ultimo chilometro hanno visto svanire l’opportunità del podio, a seguito della caduta in cui è rimasto coinvolto lo sprinter Orazio Costa. Costa, che fortunatamente ha riportato soltanto contusioni ed escoriazioni, è stato così estromesso dallo sprint.

A Floridia, domenica scorsa, Salvatore Romeo ha colto la sua sesta vittoria stagionale, diventando ormai una conferma nel mondo degli esordienti.

I ragazzi della “ASD Nibali” al termine dell’esperienza in Friuli, non appena tornati a Messina, giusto il tempo di fare le valigie e sono subito ripartiti per la Toscana, a Mastromarco. Così, mentre il campione Vincenzo Nibali è pronto per Rio 2016,  i ‘suoi’ ragazzi continuano a percorrere le grandi terre del ciclismo.

(123)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *