Al Messina basta un avvio lampo, Taranto al tappeto

acr messinaTroppo Messina per questo Taranto. I giallorossi strapazzano i pugliesi con un perentorio 3-1, frutto di un avvio da incorniciare che porta al terribile uno due firmato da Anastasi e Foresta, che regalano il doppio vantaggio ai padroni di casa già all’8′.

Il Messina però manca l’appuntamento con il 3-0, così ci pensa Emmausso all’87’ a riaprire i giochi prima del guizzo firmato Milinkovic al 90′.Nonostante la pesante assenza di Musacci, Lucarelli non cambia modulo confermando il 4-3-1-2. Al centro della difesa c’è sempre il duo Rea-Maccarrone, solo panchina per l’ultimo arrivato Bencivenga. A spingere sugli esterni sono De Vito e Grifoni. Mancini è chiamato ad agire in cabina di regia, con Da Silva e Sanseverino a completare la mediana.

Chance per Foresta schierato dietro le punte, Milinkovic e Anastasi. Pronti via il Messina passa in vantaggio dopo appena 3 giri d’orologio, Da Silva sfonda sulla destra e dal fondo serve Anastasi che tutto solo al limite dell’area piccola supera Maurantonio con un delizioso colpo di tacco. Gol spettacolare per l’attaccante di origini catanesi arrivato già a quota a 3 in maglia giallorossa e le critiche qualche settimane fa sembrano davvero un pallido ricordo. Il Messina vola sulle ali dell’entusiasmo, il Taranto è alle corde e all’8′ arriva pure il raddoppio dei padroni di casa.

Veloce ripartenza dei giallorossi, la difesa pugliese è mal posizionata e si fa tagliare in due dal bell’assist di Da Silva per il taglio centrale di Foresta che con uno scavetto batte Maurantonio in uscita. Il Taranto prova a reagire dopo l’avvio shock e prova ad impensierire Berardi con Magnaghi al 13′, ma la conclusione del giocatore ospite termina alta. Il Messina però non tira i remi in barca e prova a farsi vedere al 25′ con Anastasi che di testa prova ad anticipare Maurantonio, ma la difesa pugliese spazza via. Al 31′ la squadra di Ciullo va vicina al gol dell’1-2 sempre con Magnaghi, che all’interno dell’area riesce a calciare in modo non forte ma insidioso con Berardi che blocca in due tempi.

Al 41′ Messina vicinissimo al 3-0 con un’azione da “Mai dire Gol”, traversone di Da Silva dal vertice destro, Foresta si inserisce sul primo palo colpendo in pieno il montante, Anastasi da due passi riesce a centrare Maurantonio mentre si sta rialzando e Foresta liscia clamorosamente un pallone a due passi dalla linea di porta. Squadre negli spogliatoi con il Messina meritatamente avanti 2-0, frutto di un avvio da incorniciare con il Taranto rimasto in bambola per buona parte della frazione di gioco.

La ripresa inizia subito con il Messina subito pericoloso, Da Silva sulla destra fa quello che vuole e mette dentro un rasoterra che deve solo essere spinto in rete ma Anastasi manca l’appuntamento con la doppietta. Al 61′ giallorossi ancora pericolosi, straordinario lancio di Da Silva (prestazione straordinaria del brasiliano) per Milinkovic che si invola verso la porta di Maurantonio, che viene graziato dal giocatori di origini serbe che spara addosso al portiere ospite. Due minuti più tardi ci prova il Taranto con un tiro a giro dal limite del neoentrato Emmausso: palla alta.

All’81’ ancora Taranto con Emmausso che si accentra e di destro calcia dal limite, ma la sua conclusione termina sul fondo. All’85’ ancora Messina con Milinkovic che dalla sinistra mette in mezzo un traversone basso, ma Capua spara alto da ottima posizione. La squadra di Lucarelli non chiude i conti, così il Taranto piazza il guizzo che riapre la partita all’87’: traversone dalla sinistra sul secondo palo trova Cobelli che di testa serve Emmausso che supera Berardi con una spettacolare rovesciata. I giallorossi tremano solo per qualche minuto prima di chiudere definitivamente i conti al 90′, lancio di Capua per Milinkovic che brucia in velocità Stendardo e la tocca quel tanto che basta per mettere fuori causa Maurantonio rimasto a metà strada.

Il “Franco Scoglio” si conferma ancora una volta il portafortuna per Milinkovic e compagni, che davanti al pubblico amico hanno ottenuto ben sei successi nelle ultime sette apparizioni. Il Messina di Lucarelli offre anche momenti di ottimo calcio, ma dietro continuano a macinare punti e la strada verso la salvezza è ancora lunga.

Tabellino
Messina-Taranto 3-1
Marcatori: 3′ Anastasi, 8′ Foresta, 87′ Emmausso, 90′ Milinkovic
Messina
Berardi, De Vito, Sanseverino (81′ Palumbo), Maccarrone, Anastasi, Milinkovic, Foresta (91′ Bruno), Rea, Da Silva, Mancini (68′ Capua), Rea, Grifoni
A disposizione: Russo, Benfatta, Ansalone, Bencivenga, Saitta, Akrapovic, Ciccone, Ferri, Madonia
All. C. Lucarelli
Taranto
Maurantonio, De Giorgi (62′ Balzano), Stendardo, Potenza (56′ Emmausso), Magnaghi, Altobello, Som, Lo Sicco, Maiorano, Viola, Guadalupi (80′ Cobelli)
A diposizione: Contini, Di Nicola, Magri, Nigro, Pirrone, Sampietro, Ceccobello,
All. S. Ciullo
Arbitro: Sig. Paterna di Teramo
Assistenti: Spiniello di Avellino; Iovine di Napoli
Ammoniti: Mancini, Viola, Rea, Magnaghi

(129)

Categorie

Primo piano, Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *