FUD bottega sicula a Messina? Andrea Graziano: «È una città in cui aprirei»

Foto del cicchen burger di FUD bottega siculaProdotti del territorio semplici e genuini, tanto gusto e un luogo piacevole e di design in cui scoprirlo. Si chiama FUD Bottega Sicula ed è il progetto di Andrea Graziano che ha conquistato i siciliani.

In tanti amano i suoi panini e sono disposti anche a percorrere chilometri per gustarli. E voi cosa ne pensate? La vorreste una sede di FUD Bottega Sicula a Messina?

Lo abbiamo chiesto prima di tutto al suo fondatore, che da un’intuizione ha creato un luogo simbolico di gusto fatto di bontà e bellezza, perché tanto è importante ciò che si gusta quanto il luogo in cui si fa.

Foto del fondatore di FUD bottega sicula - Andrea GrazianoAndrea Graziano, 41 anni, catanese, ha un passato da ristoratore con oltre 20 anni di esperienza.

Prima di FUD ha dato vita ad un altro dei punti di ritrovo del buon gusto catanese, il Sale Art Cafè, che nel 2002 nasce in Via Santa Filomena a Catania con la volontà di portare una ventata di innovazione nell’offerta cittadina della ristorazione.

Andrea non è solo un esperto di bontà ma anche un abile comunicatore, come dimostra il blog Caponataweb attraverso cui iniziò a raccontare la sua avventura. È in questo contesto e sempre in via Santa Filomena nasce FUD,  inizialmente ideato come luogo in cui poter gustare qualcosa di veloce in attesa di proseguire la cena nel primo ristorante.

Foto della cucina allasd«Siamo stati i primi a fare un panino di qualità – racconta Andrea. – C’è uno studio dietro il pane, le salse, l’impasto di ogni carne. Abbiamo la possibilità di avere un taglio quasi sartoriale, anche i prodotti esterofili in FUD assumono una connessione sicula. Un lavoro così attento nell’ambito dei locali che fanno panini non lo fa nessuno».

Innovazione e tradizione si sposano perfettamente in questa rivisitazione del più semplice dei cibi, anche grazie alla rete di eccellenze di gusto siciliane che compongono la base dei prodotti, circa 60 tra cui molti anche del messinese, in primis i salumi dei Nebrodi.

Il design dell’arredamento, un luogo moderno ma che parla sempre di Sicilia, il nome, il naming e l’uso della lingua in cui l’inglese viene sicilianizzato fanno il resto, regalando un’esperienza semplice ma di alto valore.

«Era un periodo in cui l’alta gastronomia era avvolta dalla pesantezza, ma – sottolinea il fondatore di FUD – ritengo che le cose buone devono essere a portata di tutti, alta qualità fruibile. Da qui l’idea di un prodotto semplice come il panino realizzato con i migliori prodotti che ho selezionato negli anni».

Dopo 3 anni l’apertura a Palermo e “sperabilmente entro giugno” il primo FUD a Milano, sui Navigli, per raccontare una nuova Sicilia, fatta di tutti i piccoli produttori che FUD ha incluso nella sua filiera.

Oltre che una bella e soprattutto buona storia di gusto, FUD Bottega Sicula è anche una valida storia imprenditoriale che oggi vanta circa 130 dipendenti stabili.

Andrea Graziano chiude il suo racconto con una possibile buona notizia per la nostra città.

«In Sicilia abbiamo fatto tutto ciò che proprio in Sicilia dicono che non si può fare. Adesso l’unico altro posto in cui aprirei in Sicilia è Messina. Ogni giorno molte persone da Messina ma anche dalla Calabria si spostano per raggiungerci. In pochi sono disposti a puntarci ma io sono convinto che sia il posto giusto, perché Messina ha molte potenzialità e i suoi cittadini apprezzano il cibo di qualità».

Del resto non è un caso se già i panini FUD contengono tante specialità prodotte nel messinese. E voi, lo vorreste un FUD Bottega Sicula a Messina?

(1910)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *