Messina. Tutto pronto al Palacultura per “ParOlimparty & Friends”

Domani, dalle 21.30 al Palacultura, arriva il “ParOlimparty & Friends”, il primo di una serie di appuntamenti per raccogliere fondi per la terza edizione del “ParOlimparty”. Sul palco: i Soldi Spicci, i Fuori Orario e Denny Napoli. Ci racconta tutto Alfredo Finanze, Presidente di Mediterranea Eventi.

ParOlimparty & Friends

Il ParOlimparty & Friends è solo il primo di una serie di appuntamenti dedicati alla raccolta fondi per realizzare la terza edizione del “ParOlimparty” – una tre giorni dedicata allo sport e all’inclusione. «L’obiettivo è quello di raccogliere i fondi per il ParOlimparty 2020 che si ripeterà – la data è ancora in via di definizione – al Lido Open Sea Aism di Milazzo. Il ParOlimparty & Friends nasce proprio coinvolgendo tutte le persone che negli anni hanno supportato la nostra iniziativa. Il gruppo musicale dei Fuori Orario, che apriranno la serata. Il comico messinese Denny Napoli e poi i Soldi Spicci che ormai sono diventati degli amici. Sono ancora disponibili i biglietti sia online che nei nostri quattro punti vendita, o acquistabili direttamente al botteghino».

Lo sport sinonimo di inclusione

Il ParOlimparty – promosso dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, da Mediterraea Eventi e dall’associazione Bios – è sinonimo di inclusione e integrazione. «La nostra speranza è quella – ovviamente – di riempire tutto l’Auditorium del Palacultura. Vorremmo raccogliere tra i 4 e i 5 mila euro, che sarebbe il primo gruzzoletto importante da mettere da parte. L’anno scorso, la manifestazione è stata messa in piedi solo grazie agli sponsor – l’evento è totalmente gratuito – ma adesso chiediamo un coinvolgimento anche dei cittadini».

Per questa terza edizione, la scaletta sembra rimanere invariata. «Anche per la questa terza edizione vorrei avere tre serate dedicate a: musica, comicità e cinema. Se potessi scegliere, mi piacerebbe avere Ficarra & Picone e Alberto Urso. Dal punto di vista sportivo, invece, mi piacerebbe aumentare il numero degli sport. Al momento sono 9 tornei sportivi più altre discipline presentate come sottoforma di prova. Sarebbe bello potenziare gli sport acquatici, dare spazio al flyboard o al sup».

Alla scorsa edizione del ParOlimparty, circa 300 ragazzi con disabilità hanno partecipato all’evento. «La formula vincente è stata proprio creare squadre miste con ragazzi con disabilità e ragazzi normodotati. Lo spirito del ParOlimparty è quello di includere e abbattere le diversità. Infatti facciamo tutti i tornei da seduti».

I giovani messinesi che ci credono

Alfredo Finanze è un giovane adulto – ha solo 28 anni – che ci crede sul serio. «Ho giocato anche io da seduto e ti rendi conto di come un ragazzo che non può deambulare affronta lo sport e in generale la quotidianità. Mi ha aperto gli occhi. È stato bellissimo vedere giocare l’Orlandina Basket con i ragazzi con le scuole di Basket in carrozzina. L’obiettivo è quello di coinvolgere i ragazzi con disabilità nello sport e credo che questo stia accadendo. Lo sport è importante perché ti aiuta dal punto di vista fisico, emotivo, sociologico. Anche per questo lo facciamo a Milazzo, il Lido Open Sea Aism accoglie tutti ed è una delle poche strutture in Italia che ti garantisce l’assistenza per tutta la balneazione. Una novità della prossima edizione è la collaborazione con ENS – Ente Nazionale Sordi, perché la disabilità è legata anche alla cecità e alla sordità».

Alfredo Finanze, oltre ad essere il Presidente di Mediterranea Eventi, è consigliere provinciale AISM di Messina.  «Non avevo un’esperienza che mi toccasse in maniera diretta, era un modo per evitare le conferenze noiose e stare in giro con i compagni. Poi finita la scuola, in realtà, ho continuato la mia attività di volontariato, con i corsi di formazione e i convegni nazionali. La scintilla è scattata quando ho conosciuto i miei coetanei con la sclerosi multipla. Mi hanno fatto vedere quanto è bello vivere, quanti problemi superficiali ci facciamo e invece loro, nonostante tutto, si svegliavano la mattina con il sorriso».

(217)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *