“Focus group” della Caritas sulla povertà in vista del convegno “Ritrovare la speranza”

caritasLa Caritas insieme ai Padri Rogazionisti, Opera Don Orione, Comunità di Sant’Egidio, Cooperativa S. Maria della Strada e Cooperativa Gocce, organizza Giovedì 7 Marzo un “focus group” sulla povertà. Si tratta di un momento  di studio e di lavoro in cui si confronteranno i dati, l’analisi, i dubbi, le sensazioni. Ciascuno porterà la propria esperienza e le proprie opinioni. Tutti insieme collaboreranno al fine di individuare le soluzioni possibili e soprattutto le domande fondamentali da porre alle amministrazioni ma anche ai soggetti sociali privati protagonisti del territorio.  Al “focus group” parteciperanno sindacati, associazioni, organizzazioni datoriali e di categoria, enti del terzo settore, parroci, volontari ed assistenti sociali che – spiega il Direttore della Caritas, padre Gaetano Tripodo – «ci aiuteranno a comprendere meglio il fenomeno povertà a Messina a partire dai dati in nostro possesso». In occasione del “focus group” la Caritas renderà noto un report sul bisogni dei più poveri che si sono rivolti ai Centri di Ascolto negli ultimi due anni. Il “focus group” è stato ideato come lavoro preparatorio del convegno della Caritas intitolato “Ritrovare la speranza. Protagonisti di resurrezione — Lavoro, Casa, Salute, Istruzione. Quali strategie? Chiesa e Istituzioni a confronto” che avrà luogo il 18 marzo alle 17:00, nell’Auditorium Monsignor Fasola. Al convegno – che sarà aperto dagli indirizzi di saluto del commissario straordinario, Luigi Croce, del prefetto, Stefano Trotta, e dell’Arcivescovo, monsignor Calogero La Piana e dalla relazione introduttiva del Direttore Caritas, padre Tripodo – prenderanno parte il presidente di Confindustria, Ivo Blandina, e il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone . «Nell’ambito della nostra opera di promozione del valore della persona, riteniamo indispensabile — spiega padre Tripodo — sensibilizzare la comunità messinese sui problemi, sempre più gravi e urgenti, che riguardano diritti da noi giudicati fondamentali: il lavoro, la casa, la salute, l’istruzione». «Nel nostro territorio — continua padre Tripodo –  sono sempre più gravi i problemi legati alla  povertà dilagante, all’emarginazione e all’esclusione sociale. In questi anni la Caritas non ha mai smesso di stare accanto ai più poveri con azioni concrete e con attività di sostegno ed orientamento rivolte non solo a quanti sono coinvolti in dinamiche di esclusione e povertà, ma rivolte anche alla comunità cristiana ed alle istituzioni civili. Su questi quattro diritti, indispensabili per una società che tenda alla giustizia sociale, tutti siamo tenuti, ciascuno per il proprio ruolo, a dare risposte efficaci e tempestive. Da questa consapevolezza nasce l’idea di dedicare a questi temi un’occasione di pubblico confronto tra Chiesa e Istituzioni».

 

(53)

Categorie

Sociale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *