FURS 2023, Rete Latitudini all’Assessore Amata: «Disparità tra teatro pubblico e privato»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Sulla riduzione dello stanziamento del FURS – Fondo Unico Regionale Spettacolo 2023Rete Latitudini, associazione che riunisce le realtà teatrali tra le più interessanti della Sicilia, scrive una nota all’assessore regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo Elvira Amata, esprimendo forte preoccupazione sulle realtà private che si occupano di teatro, musica e danza.

«Constatiamo con grande amarezza – si legge nella nota – che lo stanziamento del FURS 2023, dapprima incrementato dalla base annuale di 5.500 a 5.800 migliaia di euro, in Commissione Bilancio è stato ulteriormente ridotto a 5.276 migliaia di euro. Tale dato è preoccupante e sconfortante. Il FURS 2023, peraltro già drasticamente ridotto a soli 5,5 milioni di euro, rispetto ai 6,5 milioni di euro del biennio 2020/21 e ai 6,8 milioni del 2022, subisce un ulteriore drammatico taglio.

Con la nostra azione, – prosegue Rete Latitudini –, diffusa in tutti i territori siciliani, anche quelli più remoti e mal collegati, con il sostegno del FURS, riusciamo a incrementare l’offerta di Teatro, Musica e Danza; riportando in vita strutture teatrali in stato di semi-abbandono e anche reinventando luoghi di spettacolo in aree non convenzionali, quali siti archeologici, nei luoghi della cultura, scolastici e del disagio. Riteniamo ormai maturi i tempi affinché venga superata l’iniqua disparità di trattamento tra il settore pubblico e quello privato, garantendo al nostro settore pari dignità. Durante l’incontro abbiamo denunciato che il FURS, in finanziaria, era stato ingiustificatamente e pesantemente ridotto di circa un milione di euro rispetto agli anni 2020, 2021 e 2022».

«Il settore privato – continua la nota, indirizzata all’Assessore regionale Elvira Amata –, vanta una platea di soggetti molto vasta, parecchi dei quali oggi riconosciuti di interesse pubblico dalla Direzione Generale dello Spettacolo dal Vivo del Ministero della Cultura – FUS nazionale e quindi assicura, pur con un esiguo stanziamento regionale, l’occupazione di oltre 500 dipendenti stabili e di 1.000 dipendenti stagionali, con un costo medio annuale pro capite per l’erario regionale di € 2.955 per lavoratore (un dato occupazionale per difetto, in quanto relativo solo ai dati dei Teatri sovvenzionati come prima e seconda Fascia dalla L.R. 25/07 – FURS). Di contro, il settore pubblico, con un enorme stanziamento regionale, occupa solo circa 849 dipendenti stabili e 506 stagionali, con un conseguente costo medio annuale per l’Erario regionale di ben € 38.026 per lavoratore” (dati resi pubblici dagli organi di stampa). Infine, il settore privato incide per circa l’11%, sulla spesa complessiva regionale 2023 per lo spettacolo (attualmente di complessivi 50,5 milioni di euro), mentre il comparto pubblico pesa per circa l’89% dell’intero stanziamento. L’ulteriore e inopinato taglio ai fondi FURS 2023, avvenuto in ARS, lo ha ridotto a poco più di 5 milioni di euro; minando fortemente la sopravvivenza delle tantissime Associazioni e la tenuta occupazionale per migliaia di lavoratori dello spettacolo, del suo indotto e di altrettante famiglie».

Adesso, Rete Latitudini ha chiesto un incontro urgente con l’Assessore Elvira Amata.

A questo link la nota completa.

(In foto Elvira Amata e il fondatore e presidente di Rete Latitudini Gigi Spedale)

(231)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.