ruggero razza, assessore alla salute della regione siciliana

Vaccino anti covid in Sicilia. Razza: «Azioni legali contro Pfizer»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

L’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, fa chiarezza sulla questione vaccini anti covid. Negli ultimi giorni, infatti, si è discusso molto circa la mancanza sull’isola di dosi sufficienti a garantire il secondo richiamo a tutti coloro che hanno già ricevuto la prima dose. Razza conferma i ritardi della Pfizer ma tranquillizza i siciliani.

«Non sono a rischio i richiami dei vaccini in Sicilia – dichiara Ruggero Razza – perché eravamo stati prudenti seguendo tutte le linee guida provenienti dal ministero della Salute e dal commissario nazionale. Però non c’è dubbio che i ritardi e gli impegni non mantenuti da Pfizer meritino una reazione. A livello nazionale si è ipotizzata un’azione legale, la Sicilia la sosterrà, la sosterranno tutte le Regioni italiane».

L’assessore regionale alla Salute, inoltre, invita le istituzioni europee e l’Agenzia europea per i medicinali a velocizzare  i tempi per consentire anche nei Paesi europei l’utilizzo degli altri vaccini anti covid.

«Chiediamo all’Ema e alle istituzioni comunitarie di fare presto – continua Ruggero Razza. I cittadini europei, quindi gli italiani e i siciliani, non possono accettare l’idea che in altri Paesi del mondo si possano utilizzare vaccini che da noi non sono autorizzati. Da questo punto di vista sosteniamo l’azione del ministro Speranza: sicurezza e regole rispettate nella certificazione dei farmaci, ma servono anche rapidità e velocità. I cittadini vogliono vedere la luce in fondo al tunnel, ma non vogliono che sia un miraggio».

 

(353)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.