Foto dell'ospedale Policlinico di Messina

Messina. Prelievo d’organi al Policlinico: il cuore donato a una ragazza di Palermo

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Quarto prelievo d’organi al Policlinico “G. Martino” di Messina per questo 2020. Il nuovo anno all’Azienda Ospedaliera Universitaria della città dello Stretto è iniziato all’insegna della solidarietà, con quattro grandi atti d’amore che hanno permesso e permetteranno di salvare molte vite.

A comunicarlo è stata la direzione aziendale del Policlinico che ha sottolineato l’importanza di un gesto come questo per tutte le famiglie che ne sono e ne saranno coinvolte. La decisione di acconsentire al prelievo da parte dei familiari di una paziente originaria della provincia di Trapani, deceduta a causa di un’emorragia cerebrale da rottura di aneurisma, è stata comunicata pochi minuti fa. «Tra i congiunti – sottolineano dal Policlinico – anche un giovane medico che, interpellato dai colleghi del Policlinico, ha espresso la non opposizione, dimostrando grande sensibilità e generosità».

Una volta comunicato il consenso dei familiari sono state messe in atto tutte le procedure necessarie al prelievo, effettuato da professionisti di diversi reparti sotto le direttive del Coordinamento Donazione e Trapianto d’ Organi e Tessuti. Sono stati così espiantati: il cuore, prelevato dai chirurghi dell’ISMETT, e già trapiantato a una ragazza a Palermo; i reni, che sono stati destinati a Palermo e Catania, il fegato a Roma e le cornee alla Banca degli Occhi.

Il Policlinico di Messina ha fornito ai familiari della donna un servizio di supporto psicologico per sostenerli e aiutarli in questo momento difficile e delicato. Questo prelievo, come già accennato, è il quarto del 2020, un numero in forte crescita rispetto all’anno appena passato.

(233)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.