Sciopero Cgil revocato, Bluferries promette il mantenimento degli aliscafi

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Lo sciopero indetto dalla Filt Cgil per la vertenza “Bluferries”, programmato per il 21 e 22 luglio, è stato revocato. Dopo la riunione di oggi, in Prefettura, sarebbe, infatti, emersa un’auspicata ripresa del dialogo.

L’azienda, infatti, non solo ha fornito dati più precisi sul programma di investimenti mirati al potenziamento della flotta – confermando ufficialmente che, nei prossimi mesi, lascerà il servizio di traghettamento veloce (senza ricadute occupazionali dirette né indirette) – ma si è addirittura mostrata disponibile a riconvocare tutte le organizzazioni per meglio chiarire la nuova organizzazione del lavoro, gli aspetti economici e normativi del contratto  integrativo.

Dunque, il sindacato ha deciso di valutare in seguito al prossimo incontro – che si attende in tempi brevi – se e quali iniziative adottare.

“È importante una ripresa del confronto, che dà intanto serenità ai lavoratori e non crea difficoltà all’utenza – dichiara Enzo Sgrò, segretario provinciale della Cgil – ma da esso devono venire risposte costruttive. Al tempo stesso, quanto annunciato necessita di attenta considerazione delle parti in causa e delle istituzioni locali e nazionali che serva a stabilire i termini di un sempre più puntuale e qualificato servizio Metromare e di un riconfermato impegno di tutti sui temi dell’attraversamento dello Stretto e della continuità territoriale. Su questo terreno siamo già attivi perché si comincino a realizzare i primi passi”.

(65)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.