Foto rubinetto acqua - Razionamento idrico

Emergenza idrica, Gioveni: “Si prospetta un’estate di disagi”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

“L’estate è ormai alle porte, ma proprio questa, in tema di siccità, rischia di essere ricordata come quella più critica degli ultimi anni per i cittadini messinesi”. Il consigliere comunale Libero Gioveni lancia l’allarme sulla situazione idrica in città che, tolti i giorni o le settimane in cui per i noti problemi alla condotta Fiumefreddo si è vissuto in una condizione da “terzo mondo”, nell’ultimo pe
riodo si sono registrate in molte zone della città carenze d’acqua già nelle primissime ore del pomeriggio.

Purtroppo – constata Gioveni – le parole dette tempo fa in Commissione dall’ormai ex direttore generale dell’Amam Luigi La Rosa,  interrogato proprio sulla questione dal consigliere Udc, si stanno rivelando profetiche. Il manager aveva preannunciato che a causa della riduzione di portata del fiume già in questa estate i disagi per i cittadini si sarebbero sentiti di più degli anni scorsi.

“Tutto questo è inaccettabile – afferma Gioveni – per una città che vuole definirsi metropolitana. Pensare che a Firenze, per esempio, dopo l’incredibile voragine del Lungarno l’acqua è tornata in poche ore in quasi tutta la città, ci dovrebbe far riflettere sulle capacità di garantire h24 i necessari servizi idrici ad un’utenza che è sempre più scoraggiata e rassegnata. Non a caso oggi reitero la necessità di prendere in mano una situazione che rischia davvero di lasciare a secco migliaia di famiglie – prosegue l’esponente Udc. Ricevo continuamente segnalazioni da diverse zone della città sull’inaccettabile interruzione idrica già nelle tarda mattinata o al massimo nelle primissime or
e del pomeriggio, e non tutti purtroppo riescono a sopperire ai disagi con l’approvvigionamento del prezioso liquido nei serbatoi domestici”.

Occorre quindi con urgenza trovare delle soluzioni alternative (anche tampone)– propone il consigliere comunale – che al momento vanno al di là delle necessarie risorse economiche richieste a livello regionale (a tal proposito attendo ancora la convocazione di una seduta straordinaria aperta del Consiglio Comunale alla presenza di tutta la deputazione messinese). Pertanto – conclude Gioveni – alla luce di queste preoccupanti e concreti campanelli d’allarme, sarebbe necessario e urgente ascoltare intanto i vertici Amam in commissione Lavori Pubblici per capire come la società intenderà affrontare quella che già dal prossimo giugno non potrà che definirsi, purtroppo, una nuova “parziale emergenza idrica”.

(333)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.