Acr Messina, arriva il deferimento della Procura Federale

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il Procuratore federale, Pecoraro, ha deferito al Tribunale Federale Nazionale, l’ex Amministratore Delegato del Messina, Pietro Gugliotta, e di conseguenza la società giallorossa per responsabilità diretta. Tutto nasce da una segnalazione della CO.VI.SOC.

Una notizia che era nell’aria già da diverso tempo ma che adesso è diventata ufficiale e che rende sempre più vicina la penalizzazione di 2 punti “per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver corrisposto, entro il 16 febbraio 2017, le ritenute Irpef e i contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di novembre e dicembre 2016 e comunque per non aver documentato alla Co.Vi.So.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps sopra indicati”.

Un deferimento nato, quindi, dal mancato pagamento pagamento degli stipendi dei mesi scorsi, situazione che poi ha portato alla cessione della società a Franco Proto.

In un secondo documento, il Procuratore federale ha deferito Pietro Gugliotta “per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver corrisposto, entro il 16 febbraio 2017, gli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di novembre e dicembre 2016 e comunque per non aver documentato alla Co.Vi.So.C., entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento degli emolumenti sopra indicati”Anche in questo caso, a titolo di responsabilità diretta e di responsabilità propria, è stato deferito anche il Messina.

(344)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.