isgrò1

Tra il serio e il faceto, Isgrò scrive a Cucinotta

Pubblicato il alle

4' min di lettura

isgrò1Lettera aperta dell’ex assessore al Risanamento Pippo Isgrò all’attuale Filippo Cucinotta, in merito alla bonifica di Maregrosso:                     

«Gli articoli apparsi sulla  stampa cittadina nei giorni  scorsi, compreso l’ultimo “Maregrosso: Cucinotta chiede aiuto alla Regione”, il cronista attento e competente ha riconosciuto la bontà della iniziativa in merito al“Progetto di Rinascita di Maregrosso.” Il trascorrere del tempo e l’immobilismo dell’attuale amministrazione,almeno fino ad oggi, ha fatto riemergere il sentimento comune di tutti i cittadini: i nostri litorali vanno bonificati e rivalutati per renderli fruibili alla cittadinanza.

Avrei potuto evitare di rispondere perché l’articolo  rendeva giustizia a me e all’Amministrazione che ho rappresentato. Ma sono stato mio malgrado, tirato dalla giacca dall’Assessore Cucinotta, che ha detto: «Anzitutto, bisogna rimuovere quelle masse di terra che non dovrebbero trovarsi lì visto che, lo dico senza polemica, per ogni intervento che si fa bisognerebbe smaltire contestualmente tutti i materiali.

Questa affermazione “no sense” mi obbliga a replicare al “disinformato” e giovane Assessore alla Protezione Civile e alle Politiche del Mare, che ha perso ancora una volta l’occasione di starsene zitto, non avendo la contezza dei fatti. Per amore della verità, vorrei spiegare all’Assessore che fino al giorno prima che si insediasse il Commissario Croce e nei giorni successivi, gli uomini della “mia” squadra del Movimento Terra hanno demolito, caratterizzato, conferito in discarica, pulito e illuminato l’ area di via don Blasco. Successivamente il tempo si è fermato, il Commissario e i suoi esperti si sono dedicati con una solerzia inaudita a rovistare nelle carte contabili, per trovare le “magagne amministrative”della amministrazione dimissionaria.

La stampa al tempo quasi ogni giorno, pubblicava articoli di un imminente dissesto. I fatti hanno dimostrato il contrario, anche se la situazione amministrativa dell’Ente, non è delle migliori,  l’assessore Signorino si sta attivando per incardinare il piano di riequilibrio da presentare al Corti dei Conti, che mi auguro venga accettato per il bene della città.

Ma torniamo all’Assessore Cucinotta; dal momento in cui ho letto l’articolo, ho cercato e    ricercato un aggettivo per qualificare il giovane assessore ma non l’ho trovato e, per motivi etico comportamentali, non ho continuato la ricerca e ho preferito lasciar perdere. Allora faccio ricorso alla satira rispolverando un vecchio e famoso sketch  che tutti ricordiamo:  “Il litigio sul treno” tra il prof. Serafino Bolletta (Totò) e l’on. Cosimo Trombetta (l’indimenticabile spalla Castellani). Concludo e mi auguro che l’Ingegnere Cucinotta non si offenda: “Assessore mi Faccia il Piacere” . In conclusione, a parte lo scherzo, Le auguro di continuare l’opera di bonifica delle aree costiere, delle foci e dei torrenti e le assicuro che il suo lavoro sarà apprezzato da tutti i Messinesi che amano la propria città e anche dal sottoscritto. Se mai avesse bisogno, mi chiami e sarò felice e  disponibile a darle qualche buon consiglio per supportarlo nella difficile opera di orientamento all’interno degli uffici regionali dell’Assessorato al Territorio che, per fortuna, ha funzionari competenti, disponibili e bravi. Poi a Messina, può contare sulle ottime capacità dell’Ing. Francesco Bonasera, Dirigente Del Demanio Marittimo, del coeso ed efficiente Reparto della Guardia Costiera e della Squadra Movimento Terra coordinata dal Gem. Marco Mancuso che conoscono benissimo il loro lavoro e operano a memoria, su tutto il territorio.

“Dulcis in  Fundo,” l’Assessore Regionale Nino Bartolotta è veramente un’eccellenza, sia come Assessore che come persona, e risulta essere competente e profondo conoscitore della macchina amministrativa  regionale. Da non dimenticare la stampa, che è e sarà fino ad opera conclusa, un autorevole alleato Assessore, Lei ha tutte le condizioni favorevoli per far bene, non le sciupi. Buon Lavoro».          

(164)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.