Rendering virtuale ponte sullo Stretto di Messina

Ponte sullo Stretto. La manovra del governo Meloni riattiva la Stretto di Messina spa

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Lunedì 21 novembre 2022, il Consiglio dei Ministri del governo Meloni si è riunito per discutere il bilancio di previsione dello Stato per il 2023 e il disegno di legge per il bilancio pluriennale per il tirennio 2023-2025. Tra gli interventi approvati, anche uno che riguarda Messina da vicino: il Ponte sullo Stretto e la riattivazione della Stretto di Messina spa. «Per riavviare il progetto di realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina – si legge nella nota – prevista la riattivazione della società Stretto di Messina spa attualmente in liquidazione».

Ponte sullo Stretto nella manovra della Meloni

«Lunedì in Consiglio dei Ministri – aveva anticipato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini – verrà riattivata la società Stretto di Messina. Conto che in questa legislatura partano i lavori, però serve anche l’Alta velocità. Nessuno può promettere un Ponte in 5 anni con una campata unica di 3,3 chilometri con costi notevoli. Sarò il 5 dicembre a Bruxelles per chiedere che l’Europa faccia la sua parte, partecipi al finanziamento di un progetto che è europeo, quella non è la Messina-Reggio Calabria ma la Palermo-Berlino».

La Stretto di Messina spa, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 aprile 2013, era stata posta in liquidazione e nominato Commissario Liquidatore il prof. Vincenzo Fortunato, entrato in carica il 14 maggio 2013. La Società Stretto di Messina fu costituita nel 1981 in attuazione della legge n. 1158/1971 per progettare, realizzare e gestire il collegamento stabile tra la Sicilia e il Continente.

(370)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.