Siccità in Sicilia. Il commento di Alfonso Alaimo al ministro dell’Agricoltura

Pubblicato il alle

2' min di lettura

“Le recenti dichiarazioni del ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida, riguardo alla siccità in Sicilia mi hanno profondamente sconcertato e indignato. Durante il suo intervento in Parlamento, il ministro ha affermato con una certa leggerezza che “per fortuna quest’anno la siccità ha colpito molto di più il Sud e in particolare la Sicilia, e meno il Nord”. A parlare in una nota Alfonso Alaimo, coordinatore regionale Sicilia di Alternativa Popolare.

“Per me, queste parole non sono solo inaccettabili – prosegue Alaimo – ma rappresentano uno scandalo. Esprimono una mancanza totale di consapevolezza da parte del ministro riguardo all’importanza strategica della Sicilia. L’isola non è solo un punto di arrivo per i migranti, ma è anche un centro vitale di scambio di idee, innovazioni e cultura nel Mediterraneo, una tradizione che risale ai tempi gloriosi della Magna Grecia.

Come coordinatore regionale di Alternativa Popolare, sento il dovere di ricordare al ministro e a tutti che la Sicilia è stata la culla della civiltà occidentale e che possiede un potenziale straordinario per tornare ai fasti di un tempo. Tuttavia, questo obiettivo non può essere raggiunto se non portiamo in Europa i valori, la forza e la cultura siciliani. Non possiamo accontentarci di essere trainati, dobbiamo diventare noi stessi il traino.

Per farlo, è essenziale avere una Sicilia forte e una rappresentanza altrettanto forte dei siciliani. È per questo che Alternativa Popolare ha l’intenzione di dare una spallata decisa alla politica stagnante e stantia che purtroppo permea ancora il nostro Paese, per sostituirla con una politica autentica, votata al servizio dei cittadini e al rilancio del nostro territorio.

Con la nostra presenza sul territorio, riporteremo al centro dell’agenda politica le istanze e le potenzialità della Sicilia, perché credo fermamente nel suo futuro e nel suo ruolo fondamentale nell’Europa e nel mondo” – conclude Alaimo.

 

(50)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.