Claudio Cardile a Cateno De Luca: «Incomprensibile la necessità di dover insultare»

Claudio Cardile (PD) - presidente del consiglio comunale di MessinaIl Presidente del Consiglio comunale, Claudio Cardile, scrive una nota ufficiale al sindaco di Messina, Cateno De Luca per condannare le parole poco gentili che il primo cittadino ha rivolto nelle sue ultime dirette Facebook al Consigliere comunale Alessandra Russo.

A far perdere le staffe a De Luca è stata un’interrogazione (o meglio, la tempistica di un’interrogazione) che il Consigliere del PD ha inviato all’Asp e allo stesso sindaco per avere dei chiarimenti in merito la delicata questione dei rifiuti covid a Messina.

«Pur non entrando nel merito dell’interrogazione della collega Russo Antonella, legittimo strumento di ciascun Consigliere comunale, e delle valutazioni politiche del Sindaco, mi sento invece di dover intervenire sui modi e sui metodi poco “eleganti” del signor Sindaco.

Risulta infatti incomprensibile la necessità di dover insultare il bersaglio di turno, esponendolo, peraltro, a una gogna mediatica incontrollabile.

Gli insulti personali vanno condannati e stigmatizzati senza discussioni.

Rinnovo, pertanto, il mio invito ad utilizzare linguaggi e modi più consoni ai ruoli che si ricoprono, anche in considerazione del triste momento che la città di Messina sta vivendo, e che non richiede, certamente, ulteriori inutili tensioni».

(2288)

3 Commenti

  • Algiar ha detto:

    Non ce la fa è più forte di lui. Non riesce proprio ad usare il linguaggio più confacente al ruolo che ricopre. È più portato per un linguaggio da avventore da bar (di basso livello ovviamente) piuttosto che da primo cittadino di una comunità!

  • Renato ha detto:

    Purtroppo è lo stile del Sindaco….. non mi sento di dire del nostro Sindaco! purtroppo ormai ci ha sputtanati in tutta Italia con la sua propaganda in TV e stampa.

  • Giovanni Domenico ha detto:

    Incomprensibile che una persona che riveste tale ruolo ricoprendo una carica istituzionale si lascia andare ad un comportamento oltraggioso. Tuttavia conoscendo l’origine del sig. Cateno De Luca non sorprende il linguaggio villico..
    Non può darsi altra spiegazione, sempre campagna come altro campagna..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *