cateno de luca in consiglio comunale

Banchi vuoti in Consiglio Comunale, cade ancora la Seduta sulla relazione del Sindaco

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Un’ora di attesa per un esito che in fondo era già scritto, anche questo terzo atto in Consiglio Comunale si è concluso con un’Aula semi-vuota. La terza chiamata per la discussione della relazione del III anno di mandato del Sindaco di Messina, Cateno De Luca, ha prodotto un sonoro buco nell’acqua. Presenti solo i consiglieri del gruppo misto – la maggioranza ormai conclamata del Primo Cittadino –, una consigliera di Forza Italia e parte della Giunta, insieme ai vertici delle società partecipate.

Si riconferma la dura presa di posizione del presidente del Consiglio Comunale, Claudio Cardile, e dei gruppi consiliari PD, Libera Me, M5S, Sicilia Futura, Ora Messina, Lega e Bramanti Sindaco, che nella giornata di ieri hanno lasciato i banchi all’inizio della Seduta in segno di protesta. In Aula solo Serena Giannetto, Alessandro De Leo, Ciccio Cipolla, Nello Pergolizzi e Paolo Mangano del Gruppo Misto, Rita La Paglia di Forza Italia (gruppo che qualche ora fa si è infatti dissociato dal gesto dei colleghi, non condividendone le modalità). Assenti giustificati Ugo Zante (FI), Dino Bramanti (Lega) e Libero Gioveni (FdI). Significativa la presenza di Paolo Mangano, che ieri aveva firmato il documento letto in Aula da Cardile, insieme agli altri consiglieri “in protesta”. A cosa è dovuta la protesta dei consiglieri comunali? Per chi avesse vissuto sotto un sasso nelle ultime 48 ore, all’assenza di 8 mesi del Sindaco dai lavori in Consiglio Comunale e in generale alle invettive a mezzo Facebook dei mesi scorsi.

Presente, di contro, il sindaco Cateno De Luca, che intorno alle 17.20 ha iniziato una diretta Facebook passeggiando tra i banchi: «Asini volanti in azione! – ha scritto nel lancio del post sui social. Da oltre mezz’ora attendiamo in Consiglio Comunale per discutere la relazione sul terzo anno di attività ma i consiglieri comunali (tranne alcuni) non si sono presentati… Seduta deserta … Per il secondo anno il consiglio comunale si rifiuta di confrontarsi con me sulle cose fatte e non fatte!».

Regolamento alla mano, il Primo Cittadino ha allora accusato nuovamente i consiglieri comunali di far sprecare soldi pubblici e di aver fatto cadere la Seduta per non dover studiare la relazione. Ha poi annunciato la denuncia all’assessorato agli enti locali e ricordato che neanche nel 2020 è stata discussa la relazione del II anno di mandato. Relazione che comunque il Sindaco ha presentato alla stampa e al pubblico, come avvenuto quest’anno, con un gesto che già allora era stato bollato come uno sgarbo istituzionale. Il tutto prima dell’inizio della Seduta, sancito – come la sua chiusura – con l’appello nominale dei presenti: sei. I lavori si sono quindi conclusi ancora prima di iniziare.

 

(184)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.