Pagelle verdi a 104 città italiane: maglia nera, tra le grandi,per Messina. Tra le medie per Reggio Calabria

Pubblicato il alle

2' min di lettura

messina panoramaSu 104 capoluoghi di provincia italiani, secondo la ricerca di Legambiente e Ambiente Italia “Ecosistema urbano”, nel quadro di grigiore generale emergono Venezia, Bologna e Genova. Affonda il Mezzogiorno, con Messina in testa.
Per le prime, però, si tratta di un primato relativo: non sono le citta’ piu’ sostenibili, ma sono le meno insostenibili.
Distanti anni luce, per sostenibilità, Messina, Reggio Calabria e Vibo Valentia, ultime in classifica. Secondo il rapporto, presentato a Venezia nel corso di un convegno, nei capoluoghi italiani non crescono le isole pedonali, le zone a traffico limitato e le reti ciclabili urbane e resta pesante l’inefficienza energetica e quella del trasporto pubblico, messo sotto pressione dai tagli e incapace di attrarre passeggeri.
Maglia nera, dunque, per Reggio Calabria (44esima) tra le citta’ medie, Vibo Valentia (45esima) tra le citta’ piccole, e Messina (15esima) tra le grandi citta’. Alla base di questi risultati c’e’ una lunga sfilza di risposte non date, da parte delle amministrazioni di Messina e Vibo Valentia, che non hanno permesso di valutare le loro performance. Per quanto riguarda Reggio Calabria, le risposte sono arrivate ma non sono state esaustive. E i dati emersi non sono di certo positivi: male i consumi idrici procapite (194,1 litri procapite al giorno), la dispersione idrica si attesta al 38% e non decolla la raccolta differenziata, che seppur in crescita rispetto alla scorsa edizione (8,4%), si ferma quest’anno all’11,4%. (Agi)

(19452)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.