Ipab, anche anni senza stipendio. Sit-in della Fp Cisl

Lavoratori IpabC’è chi non percepisce lo stipendio anche da 40 mesi. C’è anche questo tra i casi dei dipendenti Ipab di capoluogo e provincia che ieri si sono ritrovati in sit-in all’ingresso dell’istituto Collereale, uno degli enti coinvolti dove le mensilità sono sotto di sei mesi. Con i dipendenti del Collereale anche una delegazione di personale degli Asili D’infanzia Rusconi e Castiglione, Casa Famiglia e Scandurra Riuniti. A guidare la manifestazione la Funzione Pubblica Cisl. La sindacalista Enza Ruggeri: “Siamo molto preoccupati per l’immobilismo sia della Regione che degli enti locali, il governo Crocetta con la legge 71 non finanzia più come un tempo i contributi che oggi sono stati ridotti al 20%”. Paolo Orlando, aziendale Ipab Collereale: “Non riusciamo più ad andare avanti perché siamo dimenticati dalle istituzioni mentre ci occupiamo di anziani e disabili”. Natale Munaò degli Asili d’Infanzia: “Noi siamo a 40 mesi di arretrato, ci aspetta un futuro incerto, aspettiamo che si dimetta il Cda e che intervenga la Regione”. Padre Nino Caminiti è il presidente dell’Ipab Collereale: “Il problema di fondo è che la Regione non fa chiarezza sugli enti, nell’ultima manifestazione a Palermo avevano garantito che il decreto legge di riordino sarebbe stato approvato ma dopo 5 mesi siamo ancora qui a discutere”. Calogero Emanuele, segretario Fp Cisl: “C’è anche un’assenza totale degli enti locali come Comune e Provincia che non mettono in correlazione le Ipab con i servizi sociali erogati dalle amministrazioni”. 

(49)

Categorie

Lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *