aicon

Ex Aicon ancora in protesta, i Comunisti si schierano con loro

Pubblicato il alle

3' min di lettura

aiconSecondo giorno di protesta davanti alla Provincia per gli ex Aicon di Giammoro. Con loro si è schierato il partito Comunista dei Lavoratori. Questo il testo della nota: "Continua la strage di 
lavoro nella nostra provincia: un territorio ormai abbandonato dagli 
investimenti dei pescecani della grande industria, che si orientano ad 
investire all’estero dove fanno più profitti, dopo aver usufruito di 
agevolazioni finanziarie. Questo è il caso anche dell’Aicon Yachts SpA, holding 
operante nel settore della cantieristica da diporto e imbarcazioni di lusso con 
sede a Giammoro (Me) , che progettava,costruiva e commercializzava imbarcazioni 
da diporto, che il 22 gennaio 2013 veniva dichiarata fallita. Dopo il
licenziamento di 334 dipendenti, adesso sono arrivati anche i pignoramenti per 
gli operai. I lavoratori dell’ex Aicon di Giammoro ormai sono allo stremo. La 
società di Giammoro, dopo essere stata quotata in borsa ed aver incamerato ben 
120 milioni di euro, ed aver concesso in affitto due delle tre “Business Unit” 
di ramo d’azienda sino al 31 agosto del 2013 per l’importo complessivo di 210 
mila euro, secondo indiscrezioni, avrebbe deciso di delocalizzare la 
produzione, o parte di essa, in Brasile !!!!!! Al danno la beffa…! Il
presidente Crocetta si era impegnato a trovare una soluzione per salvaguardare 
il futuro occupazionale di questi lavoratori di grandi competenze professionali 
, ma da Palermo tutto tace. BASTA CON QUESTE PROMESSE ELETTORALI!!! I
LAVORATORI NON SONO MERCE DI SCAMBIO!!! Il Partito Comunista dei Lavoratori è 
al fianco dei lavoratori dell’Aicon in questa battaglia di civiltà per il 
lavoro e la dignità di questi proletari, che reclamano un futuro di dignità e 
sicurezza per le loro famiglie. Invitiamo i lavoratori a non illudersi degli 
“interventi” dei vertici istituzionali e delle deputazioni regionali e 
nazionali dei centrodestri e dei centrosinistri, che non hanno mai portato 
risultati concreti per gli operai. NON DELEGHIAMO AI POLITICANTI LA 
GIUSTA LOTTA DEI LAVORATORI !!! RIVENDICHIAMO : 
-L’ IMMEDIATO BLOCCO DEI MUTUI DEI LAVORATORI DA PAGARE ALLE BANCHE E IL 
BLOCCO DEI PIGNORAMENTI DELLE CASE DEGLI OPERAI: DIRITTO ALL’ABITAZIONE NELLE 
CASE !!! REQUISIZIONE IMMEDIATA DA PARTE DELLA REGIONE DEI MACCHINARI DELL’
AICON E CONSEGUENTE RIFINANZIAMENTO DELL’ATTIVITA’ PRODUTTIVA CON FINANZIAMENTI 
DALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI CHE DEVE RITORNARE PUBBLICA SOTTO IL CONTROLLO 
DEI LAVORATORI !!! 
SALARIO SOCIALE GARANTITO DI 1500 EURO PER TUTTI I LAVORATORI LICENZIATI, FINO 
AL RITORNO ALL’ATTIVITA’ PRODUTTIVA!!! I 
SOLDI CI SONO…. NISCITI I PICCIULI !!!! BASTA AVERE LA VOLONTA’ POLITICA !!! 
La vertenza dell’Aicon, come tutte le vertenze, per essere vincente, ha bisogno 
di trovare solidarietà nelle altre lotte sul territorio. Come Pcl rivendichiamo 
la COSTRUZIONE DI UN COORDINAMENTO DEI DELEGATI DI TUTTE LE LOTTE! SOLO LA 
LOTTA AD OLTRANZA DI TUTTI I SETTORI SOCIALI COLPITI DAI VAMPIRI DEL 
CAPITALISMO PUO’ STRAPPARE RISULTATI ANCHE PARZIALI !!
SOLO UN GOVERNO DEI LAVORATORI PUO’ SODDISFARE QUESTI BISOGNI SOCIALI, NELL’
AMBITO DI UN’ECONOMIA PIANIFICATA DEMOCRATICAMENTE E NEL QUADRO DI UN CONTROLLO 
SOCIALE DELLA PRODUZIONE E DEL CREDITO ESPROPRIATI AI PESCECANI DEL 
CAPITALE!!!!!!!!!!!!"
Partito Comunista dei Lavoratori, sez. di Messina

(66)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.