“Efficienza energetica e innovazione: il futuro della nautica”: confronto tra mondo della ricerca e imprenditoria per crescere in competitività

Pubblicato il alle

2' min di lettura

 

 

 

cnr messinaL’innovazione è diventata il fattore essenziale per la competitività sul mercato, anche per le imprese della Nautica. Il workshop “Efficienza energetica e innovazione: il futuro della nautica” che si svolgerà il 26 ottobre all’Auditorium del Cnr Itae di Messina, dalle 9.00 alle 13.00, si rivolge a tutte le imprese che operano lungo la filiera (costruttori di imbarcazioni, studi di progettazione, allestitori di interni, produttori di componenti, ecc…), per divulgare e illustrare i prodotti della ricerca e veicolare l’adozione da parte delle imprese di tecnologie innovative. Il convegno è realizzato nell’ambito del progetto E.P.C. – Energy Power Cluster, di durata biennale, avviato nei mesi scorsi con l’obiettivo di attivare e sviluppare potenziali sinergie tra imprese e centri di ricerca, volte a stimolare anche la creazione di imprese innovative operanti negli ambiti della filiera energetica. Il workshop è stato pensato come momento di confronto tra esperti per fare il punto sulle tecnologie già sviluppate nell’ambito della ricerca pubblica, dare indicazioni su come innovare con il supporto degli organismi pubblici di ricerca e come investire in innovazione abbattendo i costi. Ad aprire i lavori Gaetano Cacciola, direttore dell’Istituto di Tecnologie avanzate per l’energia “Nicola Giordano” Cnr Itae, che fornirà anche esempi di applicazioni delle nuove tecnologie nel settore della nautica; a seguire gli interventi di Agatino Nicita e Giuseppe Natoli, del Cnr Itae, che illustreranno il progetto E.P.C. – Energy Power Cluster, mentre Vincenzo Recupero del  Cnr Itae si soffermerà sui progetti di ricerca applicati al settore della nautica per ottimizzare o migliorare il processo produttivo e il prodotto. Concluderà i lavori Fulvio D’Alvia, direttore Retimpresa Confindustria, che chiarirà le modalità con cui le aziende possono realizzare trasferimento tecnologico abbattendo i costi dell’innovazione tramite le reti d’impresa.

 

 

 

(52)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.