Casa serena. Cgil, Cisl e Uil:” Si può salvare”. Lunedì delegazione dei lavoratori al Comune

casa serenaLe notizie di chiusura di Casa Serena preoccupano, e non poco, i lavoratori dipendenti della Cooperativa Azione Sociale, che sabato mattina si sono riuniti in assemblea nella struttura di Montepiselli per fare le opportune valutazioni circa la fondatezza delle notizie di stampa, ma soprattutto per decidere quali iniziative intraprendere.
“L’assemblea – dichiarano i rappresentanti dei lavoratori, Rodio, Andronaco e Stella – ha deciso di interessare le Segreterie Provinciali di Cgil, Cisl e Uil, ma nel contempo chiedere all’amministrazione quali determinazioni si intendono assumere in merito, partendo dalle tante dichiarazioni che nel tempo gli amministratori hanno rilasciato, sempre in senso positivo e garantiste rispetto al mantenimento del servizio e la tutela della forza lavoro.
Ci conforta – aggiungono i tre sindacalisti -la dichiarazione dell’Assessore Mantineo nel “rassicurare i lavoratori di Casa Serena perché non abbiamo intenzione di perdere neanche un posto di lavoro”. Siamo convinti che c’è la necessità di sistemare Casa Serena e di renderla operativa al massimo, ma facciamolo insieme.
Apprendiamo – continuano i rappresentanti dei lavoratori – che c’è una relazione firmata dal dirigente ai servizi sociali, Giovanni Bruno, indirizzata al Sindaco Renato Accorinti, all’assessore Nino Mantineo e al Segretario Generale Antonio Le Donne, che chiede all’Amministrazione un preciso atto di indirizzo immediato, stante la scadenza della proroga di affidamento fissata al 31 marzo. Non possiamo fare valutazioni di merito in quanto non conosciamo il contenuto ufficiale della relazione.
Per questo, responsabilmente, per scongiurare l’incubo del dicembre 2012 e fermo restando la necessità di realizzare i lavori di messa in sicurezza, bisogna lavorare sinergicamente per trovare le forme più idonee atte a garantire la continuità del servizio e nel contempo attivare tutti i meccanismi necessari per dare garanzie ai lavoratori.”
Domani i lavoratori si recheranno in delegazione presso Palazzo Zanca per conoscere il reale contenuto della relazione del Dirigente e per incontrare con il Sindaco, l’Assessore ed il Dirigente preposto, convinti che assieme si possono trovare le soluzioni di garanzie.

(42)

Categorie

Lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *