Messina, al Teatro Vittorio Emanuele va in scena la “sicilianità”: gli spettacoli in programma

Da sabato 24 ottobre, partiranno gli spettacoli delle “Residenze autonome teatrali”, progetto del Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Dopo la pubblicazione del bando, l’Ente teatrale ha, infatti, selezionato 5 compagnie per «rappresentare la sicilianità e la modernità».

Nel rispetto delle disposizioni governative, i posti disponibili per gli spettacoli al Teatro Vittorio Emanuele sono 200. Il costo del biglietto per ogni singola manifestazione è stato fissato in:

  • platea e I ordine di Palchi: 20 euro
  • I Galleria e II Ordine Palchi: 10 euro
  • II Galleria: 5 euro

Gli spettacoli al Teatro Vittorio Emanuele

Da ottobre a dicembre, 5 compagnie teatrali dovranno reinterpretare la sicilianità sul palco del Teatro Vittorio Emanuele. Tutto il programma:

  • 24 e 25 ottobre: “La Frittata” di Gianpaolo Pasqualino, liberamente tratto da “Il treno ha fischiato” di Luigi Pirandello, a cura della compagnia “Diapason”.
  • 7 e 8 novembre: “Io, me”, adattamento teatrale e regia di Francesco Coglitore, a cura dell’associazione Cineteatrale Rosemarylin con la Compagnia Teatro Infieri.
  • 13 e 14 novembre: “Mio padre un magistrato” , scritto da Clara Costanzo, ispirato al libro di Caterina Chinnici, a cura dell’associazione culturale Art Revolution.
  • 21 e 22 novembre: “Felice Cani”,  regia di Danilo Fodale, testo originario e drammaturgia Giuseppe Ingrassia, a cura di Spazio Onirico
  • 5 e 6 dicembre, “La libertà di essere folli”, a cura dell’associazione di promozione sociale I giovani del Pirandello.

(184)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *