Inaugurato “Controesodo”: il nuovo progetto culturale di Antonio Presti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Dopo il “Cantico” di Librino, l’eclettico Presidente della Fondazione Fiumara d’Arte torna con “Controesodo” nuovo progetto di rigenerazione culturale.

Un percorso turistico-culturale,  dal “Cantico di Librino” al “Controesodo”, che verrà presentato, fino al 6 ottobre, nei sette comuni coinvolti: Randazzo, Graniti, Malvagna, Castiglione di Sicilia, Gaggi, Motta Camastra, Bosco delle Betulle Crateri Sartorius e Piedimonte Etneo. Un progetto fotografico, accompagnato dalle parole del Cantico di San Francesco, per far incontrare generazioni diverse e riflettere sullo spopolamento di questi territori.

Un’azione creativa quella portata avanti dal mecenate Antonio Presti che ruota intorno ai valori più primitivi e puri dell’uomo, con l’obiettivo di far rivivere lo spirito delle comunità e i legami familiari. Un’esperienza di rigenerazione esistenziale e territoriale.
6 le scuole coinvolte in tutto il territorio, più di 30 fotografi che hanno immortalato i ragazzi insieme ai loro genitori e nonni e diverse associazioni come “Le Mamme del Borgo” di Motta Camastra che hanno preso parte all’iniziativa.
Evento che ha coinvolto anche le amministrazioni come quella di Graniti. «Abbiamo condiviso e accolto con grande piacere sin dal primo momento il progetto del maestro Presti, – afferma Paolino Lo Giudice, sindaco di Graniti – questa che ci viene data è un’occasione unica dal punto di vista artistico, sociale e culturale. In questo periodo storico in cui i nostri territori si stanno spopolando, pensare al controesodo che il maestro Presti ci propone con tutta la sua entusiasmante partecipazione è un dovere per tutti noi, amministratori e abitanti del territorio».

Il Cantico di Graniti

 

 

(237)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.