Via La Farina, da oggi l’ordinanza oraria “vietatir”. Negozi chiusi fino alle 17. Il IV Quartiere e il Megafono provinciale non ci stanno

Accorinti tir Cavalcavia 3Da oggi pomeriggio i commercianti di via La Farina dovranno aprire i negozi alle 17 e non prima. Entra in vigore la nuova ordinanza del sindaco Accorinti che vieta a fasce orarie il traffico dei mezzi pesanti Il IV Quartiere presieduta da Francesco Palano Quero con dieci voti favorevoli e 1 astenuto ha richiesto al primo cittadino di modificare l’ordinanza sindacale n 159 cassando proprio il punto 11.

L’ordinanza obbliga i negozianti a tenere chiusi gli esercizi fino alle 17 perché da quell’ora alle 21 i camion con massa superiore alle 7,5 tonnellate non potranno transitare. L’atto resterà in vigore fino a settembre ma secondo il consiglio circoscrizionale in via La Farina sono presenti molte attività artigianali, officine, numerosi bar e ritrovi che beneficiano dell’indotto. Il IV Quartiere definisce condivisibile lo spirito che ha animato l’ordinanza e tutta la parte che riguarda il divieto di viabilità dei mezzi superiori alle 7,5 tonnellate in via La Farina ma ritiene “Incongruente con la tutela degli interessi dei cittadini e gravemente lesivo nei confronti degli operatori commerciali di via La Farina obbligare quest’ultimi a non aprire le loro attività negli orari pomeridiani prima delle 17”. Secondo il Quartiere è assolutamente prioritario tutelare la sicurezza dei cittadini dal passaggio dei tir ma questo deve coniugarsi con lo svolgimento delle attività lavorative senza pregiudicarle economicamente. Uno consigliere ad astenersi al voto Matteo Grasso mentre gli altri dieci hanno votato favorevolmente alla richiesta di modifica dell’ordinanza sindacale.

Massimo Finocchiaro del gruppo “Il Megafono per la provincia”: “Ci è sembrata l’ennesima follia di un’amministrazione confusa, che naviga a vista, di un’amministrazione che come sempre più spesso accade non tiene conto delle attività produttive della città e non le coinvolge anzitempo”. 

(53)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *