comune di messina, municipio, palazzo zanca, candidati consiglio comunale

Stralcio parziale delle cartelle esattoriali, il Comune di Messina dice “sì”

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Via libera allo stralcio parziale delle cartelle esattoriali riferite a debiti non pagati a Palazzo Zanca per multe, IMU e TARI. A comunicarlo, con una nota, è il Comune di Messina, che motiva la propria scelta in ragione del difficile periodo socio-economico in corso, tra la crisi energetica e le conseguenze della pandemia.

Facciamo un passo indietro. All’interno della Legge di Bilancio 2023 varata dal Governo Meloni c’è la possibilità per i Comuni, tramite delibera, di stralciare le cartelle esattoriali di importo fino ai 1.000 euro riferite al periodo 2000-2015 e a crediti di competenza comunale; quindi multe per violazioni del Codice della Strada, IMU e TARI. Nello specifico, spiegano da Palazzo Zanca: «L’Amministrazione rende noto di essere favorevole allo stralcio parziale dei ruoli emessi tra il 2000 e il 2015 di importo inferiore a 1.000 euro, relativo a sanzioni ed interessi per i debiti tributari e per i soli interessi per le sanzioni amministrative, comprese quelle per violazioni del Codice della Strada».

A sollevare la questione, qualche giorno fa, era stato il consigliere comunale di centrosinistra, eletto nella lista De Domenico Sindaco, Giovanni Caruso: «Se i bilanci del Comune sono veramente solidi, perché la Giunta non ha ancora fatto la delibera?». La scadenza per approvare la misura è infatti fissata al 31 gennaio 2023.

In ogni caso, mercoledì 25 gennaio, a Palazzo Zanca, il sindaco di Messina, Federico Basile e l’assessore con delega ai Tributi, Roberto Cicala, illustreranno più nel dettaglio la misura per lo stralcio delle cartelle esattoriali.

(243)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.