Piscina comunale: la protesta smuove le acque

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Un secco “no” alla chiusura della piscina comunale “Graziella Campagna”. E’ quanto hanno gridato  gli studenti dell’istituto Nautico “Caio Duilio” che questa mattina hanno manifestato a Palazzo Zanca per chiedere l’intervento dell’amministrazione comunale affinché si provveda a riaprire l’importante struttura sportiva. Il corteo, presidiato dal consigliere comunale Santi Daniele Zuccarello e dal presidente del III Quartiere Lino Cucè, si è radunato in piazza Unione Europea per poi entrare all’interno del palazzo municipale in attesa di dialogare con il sindaco e l’assessore allo Sport Pino. L’incontro è però saltato vista l’assenza degli esponenti della Giunta. I manifestanti hanno quindi occupato pacificamente il corridoio di Palazzo Zanca in attesa di avere notizie.

Come si ricorderà, lo scorso giugno è scaduta la concessione che regolava la gestione dell’impianto. L’amministrazione, così come denunciato più volte dallo stesso Zuccarello e durante le sedute della Commissione Sport, non ha però provveduto per tempo a risolvere la problematica, proponendo in extremis l’affidamento della piscina alla Federazione Italiana Nuoto. Una scelta dettata anche dai costi di gestione che il Comune non è più in grado di sostenere. La Fin, secondo quanto dichiarato dal presidente Parisi nei giorni scorsi, si è attivata per stipulare una nuova concessione, ma ci vorranno tempi lunghi.

Intanto la “Graziella Campagna” resta chiusa, una situazione che potrebbe provocare danni alla stessa struttura. “Da giugno – spiega Lino Cucè – le vasche non sono più utilizzate. L’acqua è ormai divenuta stagnante e putrida e ciò potrebbe danneggiare i filtri. E’ necessario predisporre atti per far riaprire la piscina e ripristinarla in tutte le sue componenti. Finora sono state spese solo parole, insieme agli studenti e alle famiglie chiediamo fatti concreti”. E sulla vicenda continua a battere i pugni sul tavolo il consigliere Zuccarello. “L’amministrazione sapeva già tutto – spiega – c’era la possibilità di una proroga e tutto il tempo di ragionare. La colpa è della Giunta che non ha mai proposto niente, la concessione alla Federazione Nuoto andava programmata prima non ad ottobre. A questo punto si provveda alla proroga in attesa che la Federazione faccia le sue scelte”.

12075044_1005919266118699_4953633103030490280_nIn tarda mattinata i manifestanti sono stati ricevuti nel salone delle Bandiere dal presidente del Consiglio comunale Emilia Barrile. Si procederà alla convocazione di un tavolo tecnico tra amministrazione, segretario generale, Dipartimento e una rappresentanza dei lavoratori che operano nella piscina. L’idea è quella di concedere la proroga ai vecchi gestori dell’impianto.

Andrea Castorina

 

(448)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.