Migranti, la Marano: “Da attenzionare l’arrivo di ragazzine, è un fenomeno nuovo”


tn migranti ultimiIn prima linea anche stavolta dopo l’ultimo arrivo di migranti Clelia Marano, Esperta del sindaco alla Mediazione Culturale parla di un nuovo fenomeno: quello delle ragazzine che prima non si vedevano. Fonti dicono che in Sicilia potrebbero sbarcare nei prossimi mesi qualcosa come 800mila migranti.

“Come sempre noi ci occuperemo delle categorie protette – ha dichiarato la Marano – come sempre entro le 78 ore dall’arrivo faremo in modo che il minor numero di persone tra minori non accompagnati e donne non stiano nelle tende, sul numero pari a 800mila di prossimi arrivi il dato non mi sorprende – prosegue – questi sono flussi migratori che chi fa questo di mestiere sa, temo invece l’arrivo di donne e neonati e segnalo una cosa importante: stanno arrivando ragazzine minori di circa 12 anni non accompagnate, sono sbarcate dodici ragazzine e questo è un fenomeno nuovo, un fenomeno di cui sta parlando anche Fulvio Vassallo e ne parlerò con Tania Poguish, è un fenomeno da attenzionare e bisogna capire la tratta che fanno perché non vorrei che queste ragazzine restassero ferme in Libia”. La Marano sostiene che la sosta in Libia non lascia sereni gli operatori culturali per i pericoli che le giovani possono correre nel territorio che una volta era sotto la dittatura di Gheddafi. “Speriamo che la prefettura trovi un nuovo sito per i migranti che non fanno parte delle categorie protette – conclude la Marano – perché non possono vivere nelle tende, non è umano e dignitoso, strutture ce ne sono, bisogna trovare un modo per collaborare, questo tipo di gestione securitaria è un problema di ministero degli Interni e prefettura, noi entriamo come Comune secondo le nostre competenze, abbiamo fatto le nostre proposte in passato che non sono state accolte e dunque attendiamo risposte rapide dalla prefettura, speriamo che lo facciano presto”.

@Acaffo 

(55)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *